Cobas: “Sea arrogante anche con i lavoratori malati”

Denuncia dell’Associazione Lavoratori Cobas in merito ad alcune lettere inviate da Sea ad alcuni dipendenti assenti per malattia il 27 e 28 gennaio

Grave denuncia da parte dell’Associazione Lavoratori Cobas. Secondo la sigla sindacale, alcuni lavoratori di Malpensa e Linate, assenti per malattia il 27 e il 28 gennaio scorso, hanno ricevuto da Sea, società che gestisce gli scali milanesi, una lettera di “disappunto”. 

Sea, si legge nella nota, precisando di non voler mettere in discussione la veridicità del certificato medico, quindi senza porre in discussione il fatto che in quei giorni i lavoratori erano effettivamente malati, si è lamentata “con vivo disappunto” (come si legge nella lettera a lato) che la loro assenza avrebbe reso ancor più difficile una situazione già particolarmente critica per la nevicata e risolta solo grazie al maggior impegno dei lavoratori presenti.

Ma non basta. Sea ha comunicato a questi lavoratori che l’”episodio” sarebbe stato considerato in modo negativo nella valutazione del loro rapporto di lavoro ed ha chiesto  loro una maggior collaborazione e maggior senso di responsabilità per il futuro.

«Sea – si legge nella nota dell’Associazione Lavoratori Cobas -, sotto la minaccia di valutazioni negative incidenti sul rapporto di lavoro, vuole ora pretendere che i lavoratori vadano a lavorare anche quando sono malati. Invitiamo tutti i lavoratori a segnalarci ogni episodio del genere di cui fossero eventualmente vittime. Ricordiamo a Sea che mettere i lavoratori malati in difficoltà se non  si  presentano al  lavoro e considerarli non collaborativi se non si presentano al  lavoro,  degni di una nota di demerito, viola il diritto alla salute del lavoratore e gli obblighi di salvaguardarla che incombono sul datore di lavoro. Questo sindacato offrirà ai lavoratori ogni sostegno necessario a tutelare la loro salute e la loro dignità di fronte a simili atti di arroganza e di disprezzo».

L’Associazione Lavoratori Cobas ha anche trasmesso all’Asl i documenti per le determinazioni di sua competenza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.