Consiglio provinciale, l’unanimità regna sovrana

Nessuna discussione durante la seduta odierna, quattordici punti esaminati ed approvati in meno di due ore

Complici approfondite discussioni in commissione, gli argomenti trattati oggi in Consiglio provinciale sono passati all’unanimità. Non si è trattato dunque di una seduta con argomenti tali da provocare divisioni fra le parti: si trattava di temi già sviscerati in commissione, che fondalmentalmente richiedevano solo la sanzione ufficiale dell’assemblea di Villa Recalcati. Tra i punti significativi si segnalano l’approvazione del Documento di Analisi e Indirizzo per lo Sviluppo del Sistema Industriale Lombardo (DAISSIL) e la nomina dei componenti di due nuove ed importanti commissioni consiliari, quella appositamente costituita per sovrintendere l’organizzazione dei Mondiali di Ciclismo del 2008 e degli eventi ad essi legati e quella, parimenti di nuova costituzione, che si occuperà delle Multiutilities, ossia delle problematiche relative a gestione e accorpamenti delle società di gestione dei servizi pubblici (acqua, gas, ecc.).

Questi i nomi dei consiglieri nominati nelle commissioni: per quanto asttiene a quella sui Mondiali Claudio Brunella (Lega Nord), Stefano Calegari (Udc), Alberto Cattaneo (An), Silvio Pezzotta (Fi), Giampaolo Livetti (Rifondazione Comunista), Manolo Marzaro (DS) e Paolo Rizzolo (Margherita); della Commissione Multiutilities faranno invece parte Emanuele Boscolo (Udc), Gianfranco Bottini (Fi), Silvano Garbelli (Lega Nord), Domenica Marchetta (An), Giampietro Ballardin (Ulivo), Maria Dolores Sessa (Verdi) e Angelo Tettamanzi (Margherita).

Circa il DAISSIL, il documento, già noto ai consiglieri, è stato presentato dall’assessore provinciale Gigi Farioli: servirà a identificare, in un contesto di "vacche magre", le priorità di spesa per il sostegno al sistema produttivo, tendo conto del fatto che "l’epoca dei soldi spesi a pioggia è finita". L’approvazione perr il documento è stata unanime, anche se il consigliere DS Marco Giudici ha fatto notare l’incongruenza fra un settore produttivo che chiede diplomati tecnici e una scuola che si ostina a sfornare liceali e universitari, destinati ad amare delusioni all’impatto con il mondo del lavoro.

Fra i vari punti discussi, spiccano anche l’approvazione – sempre all’unanimità – dell’ipotesi di accordo per la creazione del Museo dell’Aeronautica presso nell’immobile ex Caproni nei pressi di Malpensa (costo previsto totale 20, 65 milioni di euro coperti per circa metà dalla Provincia, lavori da concludersi entro fine 2007), l’approvazione dell’accordo di programma per la relaizzazione della  rotonda di San Salvatore di Malnate sulla statale 342 "Briantea", la presa d’atto delle modifiche alo statuto dell’Unione Province Lombarde che introducono la Consulta dei presidenti dei consigli provinciali.

Hanno chiuso la seduta alcune mozioni presentate dalle opposizioni, circa il mantenimento di una stazione Fnm a Castellanza, la situazione della navigazione lacuale sul Verbano (mozioni entrambe superate dall’evoluzione dei fatti, ma la seconda sarà allegata agli atti a testimoniare le dimensioni del problema) e un indirizzo al governo italiano perchè si impegni, in qualità di mediatore, per porre fine all’atroce guerra civile che insanguina il nord dell’Uganda. Per ultima è stata approvata una mozione del consigliere Alberto Cattaneo (An) sulla libertà di espressione, mozione riveduta e corretta dopo le critiche ricevute all’atto di una sua precedente esposizione: nel deplorare le offese alle religioni, vi si invita l’Unione Europea a tutelare la libertà religiosa laddove essa sia a rischio: il riferimento è agli attacchi subiti in questi giorni dalle comunità cristiane e dalle ambasciate occidentali in vari paesi musulmani.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.