Disordini in Afghanistan, fuoco contro i militari della Ugo Mara

Attaccato il comando italiano nel corso di una manifestazione contro le vignette islamiche

Prima i sassi, poi i colpi di kalasnikov. I militari del corpo di intervento comando della forza internazionale della Nato (Isaf), di stanza a Kabul sono stati al centro della manifestazione che ha infiammato oggi le vie della capitale afghana. I militari impiegati a Kabul sono partiti dalla caserma Ugo Mara quando venne deciso l’impiego di forze Nato in Afghanistan per mantenere l’ordine in seguito all’occupazione anglo-americana.
Nessun ferito, dicono i portavoce della missione, ma «una della garitte del nostro comando è stata oggetto di fuoco – ha spiegato il portavoce Riccardo Cristoni al Corriere della Sera – . I militari italiani non hanno risposto al fuoco».
La manifestazione di protesta si è svolta nei pressi di Camp Vianini, la base del contingente italiano. I manifestanti erano poco più di 300. Solo ieri l’Italia ha ceduto il comando della missione alla Bulgaria.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.