Enrico Rava , il “poeta” della tromba

Il jazzista italiano più noto a livello internazionale chiude la prima edizione di "Castano Jazz"

Si conclude giovedì 23 febbraio sulle note di Enrico Rava la prima edizione di "Castano Jazz". Non poteva esserci finale più adeguato per una rassegna che ha voluto ripercorrere in quattro appuntamenti la storia del jazz italiano attraverso i suoi interpreti più significativi. Il trombettista italiano più conosciuto al mondo, si presenta al pubblico di Castano Jazz in compagnia di "Enrico Rava New generation" , giovanissima formazione composta da Giovanni Guidi al pianoforte, Francesco Ponticelli al contrabbasso ed Emanuele Maniscalco alla batteria. Una conclusione in grande stile , insomma, per la kermesse che, in una sorta di crescendo, ha ripercorso le tappe del jazz in Italia, grazie a Quartetto "1900" di Gori e Onorati, al trio composto da Franco Cerri, Enrico Intra e Luca Garlaschelli , e al Gianni Basso Quartet .

Enrico Rava può essere indubbiamente considerato il jazzista italiano più conosciuto a livello internazionale. Musicista rigoroso e strumentista raffinato, questo poeta della tromba è anche un sensibile ed abile compositore, amante del jazz, ma capace di suonare nei più disparati contesti e di fondere nel suo personalissimo stile influenze musicali molteplici, dalla musica sudamericana al funk , al rock.

La storia musicale di Enrico Rava è straordinaria: dalle avanguardie degli anni sessanta ai giorni nostri attraverso esperienze e percorsi diversi, sempre all’insegna del rigore e della ricerca, della serietà intellettuale. Un’altra sua qualità artistica è la capacità di saper valorizzare giovani talenti: musicisti di notevole valore tecnico ed espressivo che Rava avvicina al linguaggio afroamericano si attraverso la strada maestra degli standard, per la cura degli equilibri e delle dinamiche che, come quella delle sue composizioni più recenti per l’approfondimenti dell’improvvisazione e delle dinamiche espressive.

In questa occasione lo affiancano tre giovanissimi musicisti di talento: Giovanni Guidi (pianoforte), Francesco Ponticelli (contrabbasso) ed Emanuele Maniscalco (batteria).

Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare ai numeri 0331/548766 – 348/4020648, consultare il sito internet www.auditoriumpaccagnini.net oppure scrivere una mail a circolo.spettacoli@virgilio.it . La biglietteria è aperta il martedì dalle 16 alle 19 e il giovedì dalle 10 alle 14.

L‘Auditorium"Paccagnini" ( www.auditoriumpaccagnini.net ) di piazza XXV aprile a Castano Primo (Mi), inaugura to ufficialmente il 6 giugno 2004, è intitolato al noto musicista Angelo Paccagnini , castanese , scomparso nel 1999. La struttura, dalla forma moderna, si contraddistingue per l’innovativa forma ellittica: in tutto conta quasi 350 posti a sedere tra galleria e platea. Quest’ anno l’Auditorium ha organizzato la sua prima, vera stagione: grazie a una programmazione di qualità, con un mix sapientemente costruito di artisti noti e meno noti, riesce ad attirare un pubblico vasto, che va al di là della zona geografica del Castanese .

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.