False identità, arrestato cittadino cinese

L'uomo, che era stato espulso due volte a Trento e Sondrio, è in manette per violazione della Bossi-Fini

Colto sul fatto due volte con documenti falsi a Trento e Sondrio, J. Z., cinese classe ’68, ha tentato un disperato escamotage per rimanere in Italia. Non rispettando il decreto di espulsione che gli impediva di tornare nel nostro Paese per almeno 5 anni, l’uomo è prima tornato in Cina, ha ripreso la propria vera identità e ha fatto ritorno in Italia, a Gallarate, dove risiede la famiglia, cercando una via legale per avere il permesso di soggiorno. Ovviamente la Polizia di Gallarate non è stata a guardare e lo ha tratto in arresto non appena, dopo i canonici controlli, sono venuti alla luce i precedenti per falsa identità del cinese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.