Fi, An e Udc con Mucci. La Lega sta alla finestra

Proseguono intanto gli incontri nel centrosinistra, in attesa di chiarire chi tra Galli, Senaldi e Melandri sarà il candidato sindaco

Elezioni a Gallarate. In attesa di una data precisa per le amministrative, l’incertezza regna sovrana. Il centrosinistra ha tre nomi, i soliti: Pierluigi Galli, candidato dei Ds, Angelo Senaldi, presentato dalla Margherita e Ennio Melandri, uomo del PdCI. Si parla di programmi nelle riunioni che settimanalmente vengono svolte dalla coalizione. Il fronte è ampio e comprende Ds, Margherita, Sdi – La Rosa nel Pugno, Rifondazione Comunista e  Comunisti Italiani, Verdi, Movimento Federalista Europeo e Udeur. I tavoli aperti riguardano casa, urbanistica, lavoro e questioni sociali. In attesa di decidere il nome del candidato sindaco, proseguono gli incontri e le assemblee per arrivare ad un programma organico e completo.

Più definito il quadro nel centrodestra, anche se resta l’incognita Lega Nord. Forza Italia, An e Udc puntano forte su Nicola Mucci, sindaco in carica. La Lega sta alla finestra. Ieri, 16 febbraio, è saltata la riunione di maggioranza, ma il quadro è definito: «Noi puntiamo su Mucci – spiega il coordinatore cittadino di Forza Italia, Massimo Bossi -, e An e Udc sono con noi. Sul programma stiamo facendo un confronto a 360 gradi, puntando l’attenzione su temi come urbanistica, partecipazione democratica e commercio. La Lega partecipa alle riunioni, noi lavoriamo per tenere unita la Casa delle Libertà: se vogliono, andremo uniti, altrimenti sarà una scelta loro. Anche con le liste civiche prenderemo contatti e stringeremo rapporti, una volta definito il programma». Sul programma punta la Lega Nord: «Nomi non ne facciamo e non ne vogliamo sentire per il momento – dice Matteo Ciampoli, segretario cittadino del Carroccio -. Parliamo di programma, siamo distanti su molti punti, ma se c’è la volontà di arrivare d un compromesso l’accordo si trova. Su Mucci ogni discorso è prematuro: non escludiamo il suo nome a priori, ma prima vogliamo nero su bianco il progetto del centrodestra. Noi di certo siamo fermi su alcuni temi, come il commercio, l’urbanistica e la moschea».

Su quest’ultimo punto le posizioni sono agli antipodi, la Lega non ne vuole sentir parlare, il coordinatore di Forza Italia lascia aperta la porta: «Se seguiranno la strada della legalità – conclude Bossi -, potranno avere un sede: è la legge italiana che detta la linea, favorendo l’integrazione e il rispetto dei diritti religiosi di ogni comunità. Per ora non hanno preso questa strada e Mucci ha agito seguendo la legge, in futuro vedremo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.