Gli asilanti non andranno nelle case delocalizzate

Ferma la posizione dei sindaci di Ferno, Lonate Pozzolo e Somma Lombardo, ribadita ieri nella commissione politiche per la casa al Pirellone

La posizione dei sindaci di Ferno, Lonate Pozzolo e Somma Lombardo in commissione politiche per la casa al Pirellone ha prevalso: i rifugiati non saranno accolti nelle case delocalizzate: «Il problema c’è – spiega Claudia Colombo, primo cittadino di Ferno -, ma i richiedenti asilo non possono essere ghettizzati in un luogo dove gli italiani non possono per legge abitare. Poi quelle aree devono essere utilizzate dai Comuni a fini produttivi, direzionali o altro comunque al fine di produrre reddito, in modo da terminare le opere necessarie a completare la delocalizzazione e la mitigazione per chi decide di non andarsene. Non possiamo accollarci noi anche questo problema, a Malpensa diamo già tanto e non riceviamo quanto ci sarebbe dovuto».

Un altro Colombo, Guido, sindaco di Somma Lombardo, concorda con la collega: «La situazione è seria – spiega -, sono persone perseguitate nei loro paesi che non possono venire qui e trovare una soluzione disumana come quella di Malpensa. Il problema va analizzato con proposte serie e concrete, serve un’analisi politica del fenomeno. Una volta che la delocalizzazione verrà terminata in tutto e per tutto, potremmo decidere di dare la disponibilità per una o due abitazioni a Case Nuove nella fascia A, quella non interessata da delocalizzazione, per ospitare una o due famiglie. Ma prima bisogna chiudere il cerchio e agire con criteri certi».    

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.