Immigrazione clandestina: nove espulsi e due in manette

Numerosi cittadini del Bangladesh trovati senza documenti e permesso di soggiorno dai Carabinieri in via Macchi

Nella mattinata di ieri, 15 febbraio, i militari della Compagnia dei Carabinieri di Gallarate, con l’ausilio della Polizia Locale, hanno eseguito un’operazione finalizzata al contrasto dell’immigrazione clandestina in alcuni appartamenti situati all’interno dell’edificio in via Monsignor Macchi 38 a Gallarate. Qui, da diverso tempo, si sono insediati numerosi cittadini originari del Bangladesh, molti dei quali irregolari sul nostro territorio nazionale.

All’interno, i militari e gli agenti hanno individuato circa trenta cittadini bangladesi, stipati all’interno di varie camere da letto. Tra questi, dopo vari controlli incrociati effettuati con l’ausilio della banca dati, 15 sono stati condotti presso il Comando di Largo Verrotti per ulteriori accertamenti. Molti infatti erano privi di documenti e di permesso di soggiorno. Gli stranieri sono stati tutti sottoposti a rilievi fotodattiloscopici, al fine di definirne la reale posizione e di verificare l’esistenza di eventuali provvedimenti a loro carico ancora da eseguire.

Gli accertamenti si sono protratti fino al tardo pomeriggio ed alla fine nove di loro sono stati colpiti da decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Varese, mentre altri due,  Mollik Nazruc, classe 1979, e Uddin Munna, classe 1982, sono risultati già espulsi nei mesi di ottobre e novembre dello scorso anno. Questi ultimi sono stati tratti in arresto, così come previsto dalla legge “Bossi-Fini”, e condotti al carcere di Busto Arsizio, a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa del processo per direttissima a loro carico, che si svolgerà nei prossimi giorni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.