Incontri d’Arte in Badia

L’associazione “Amici della badia” presenta il nuovo programma per la stagione 2006

Si apre la sesta edizione musicale e culturale della Badia di Ganna. Con il patrocinio della provincia di Varese e della Regione Lombardia, l’associazione “Amici della badia” presenta un ricco programma per la stagione 2006. Il filo conduttore è la musica, la quale sarà accompagnata da arte e poesia. L’intento è quello di creare un dialogo tra le diverse discipline che vanno a creare nuove proposte mescolandosi e interagendo tra di loro.

Non mancheranno come da tradizione i pomeriggi domenicali della Badia dove protagonista è la musica. I concerti saranno accompagnati da una conferenza nel corso dellla quale si toccheranno le tematiche proposte in questa stagione: spiritualità, esperienza mistica e racconto della pittura.

Numerosi i percorsi previsti. Si inizia con “Musica in transito” come unione di generi e culture, per seguire con “Musica antica” come lettura moderna della musica del passato ed “Esterno note”, una finestra sul mondo improvvisativo nei paraggi del jazz, ambientata nella magia del chiostro.

Il progetto inoltre propone tre incontri dal titolo “L’Esperienza della poesia” dedicata alla religione e al  misticismo. Si inizierà parlando di poesia nella Bibbia ed in particolare nel libro del Qoelet, che per i suoi contenuti risulta particolarmente vicino alla cultura monastica; si proseguirà con la tradizione Sufi, letta nei suoi aspetti poetici e musicali ed infine ci sarà un omaggio alla figura di Cristina Campo, poetessa e saggista che ha tracciato nella propria vita un percorso verso la perfezione.

L’arte della pittura sarà ripresa dal percorso denominato “La parola dipinta”. Il successo della scorsa edizione, dove protagonista fu Caravaggio, ha portato per quella del 2006 due concerti, dedicati all’impressionismo e al Settecento veneziano che si alterneranno ad  incontri incentrati sulla pittura impressionista e sulla figura del Bellotto.

Infine ci si avvicinerà ai temi del concerto, della radio come straordinario mezzo di divulgazione e dei racconti ad essa legati con il percorso “Parlando di musica”.

Il primo appuntamento è previsto per il 26 febbraio, quando alle 16.30, si esibiranno  Gianluigi Trovesi al clarinetto e Gianni Coscia alla fisarmonica in “Round About Kurt Weill”. A seguire si terrà una conferenza con Claudio Ricordi, di Radio popolare e Radio Svizzera Italiana per trattare il tema “Radio che non c’è”.

Ogni giornata è ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti e si concluderà con un aperitivo, momento di incontro tra protagonisti e spettatori e opportunità per conoscere la badia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.