Inquinamento, Alto Milanese e Varesotto ancora nella morsa delle polveri

Mentre continua il forzato silenzio della centralina di Borsano, dati poco rassicuranti arrivano da un po' tutta la zona

Non si fa a tempo a riprendere l’auto dal garage che subito i valori degli inquinanti tornano alle stelle. Il sito dell’Arpa parla chiaro: l’aria che respiriamo continua ad essere, per usare un eufemismo, di dubbia salubrità.

Alla radice del problema certamente il traffico automobilistico – infatti nelle domeniche di blocco i valori scendono a livelli più accettabili – ma anche le emissioni di riscaldamenti ed industrie. La Regione ha recentemente lanciato una campagna di "austerità" sui riscaldamenti, raccomandando di non superare i 22 gradi centigradi in casa e i 20 negli uffici, ma i controlli latitano, e in particolare i grossi condomini con riscaldamenti centralizzati si sono per lo più ben guardati dall’applicare la norma. Risultato, ieri, 7 febbraio, l’Arpa rilevava una media di concetrazione di polveri sottili per l’area unica di Milano-Como-Sempione pari a 106 microgrammi per metro cubo, oltre il doppio del consentito.

Quanto ai dati rilevati ultimamente dalle centraline, quella di Gallarate registra valori comunque sopra il consentito (ieri 99.4 microgrammi di media giornaliera), mentre quella del Santuario a Saronno segnala per la giornata di martedì un valore complessivo di 106 microgrammi al metro cubo. Se Saronno piange, Varese non ride con i suoi 81.4 microgrammi registrati ieri in via Copelli. Si tratta di valori fuori norma (il limite di legge è 50), ma che impallidiscono di fronte ai ripetuti sforamenti di quota 200 registrati presso la centralina Accam di Borsano di Busto Arsizio, danneggiata sabato scorso da un ignoto vandalo che ha tranciato i cavi di trasmissione dati, presumibilmente nella speranza di porre fine agli odiati blocchi del traffico.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.