Inquinamento da PM10, si fermano le grandi città

Blocco totale, dalle 10 alle 17, a Gallarate, Saronno e Busto Arsizio. Varese chiude il centro cittadino dalle 8 alle 20

Nuovo blocco del traffico, in programma per domani nelle aree critiche del Sempione, del Milanese e del Comasco. Il provvediomento – deciso dalla regione Lombardia – coinvolgerà le città di Saronno, Gallarate e Busto Arsizio, cui si aggiune anche Varese per volontà del commissario prefettizio Sergio Porena.

A Varese il blocco del traffico sarà in vigore dalle ore 8 alle 20. Le vie all’interno delle quali non si potrà circolare sono Grandi, Staurenghi, Verdi, Copelli, Sant’Antonio, Lonati, S.Francesco d’Assisi, Piazza Monte Grappa (adiacente camera di commercio), Carrobbio, Bizzozzero, Piazza della Repubblica, Spinelli, Avegno, Cavour, Dandolo, Piazza Cacciatori delle Alpi, Morazzone, Paravicini. Sarà consentito l’accesso dei veicoli al parcheggio sotterraneo di Piazza della Repubblica e al parcheggio di via San Francesco d’Assisi.
In deroga al provvedimento di cui sopra, è consentita la circolazione dei seguenti veicoli:
– veicoli ad emissione nulla o equipaggiati con motore ibrido elettrico e termico;
– veicoli al servizio di invalidi, muniti di contrassegno;
– automezzi di pubblica sicurezza e pronto soccorso;
– automezzi adibiti alla manutenzione ed esercizio di servizi pubblici;
– veicoli di residenti all’interno della zona vietata e dei possessori di posti auto privati;
– veicoli commerciali autorizzati nell’ambito della manifestazione”mercato bosino”;
– le autovetture e gli autoveicoli da trasporto alimentati a benzina, gas, gasolio, g.p.l. ovvero ad alimentazione promiscua o solo gassosa, dotati di catalizzatore ed omologati ai sensi delle direttive CEE Euro 3 – Euro 4, vale a dire per i veicoli immatricolati a partire dal primo gennaio 2001;
– le autovetture ad accenzione spontanea (diesel) di tipo omologato ai sensi della Direttiva 91/441/CEE e successive, immatricolate a partire dal 1 gennaio 1993;
– motoveicoli e ciclomotori catalizzati (omologati ai sensi della direttiva 97/24/CEE.

A Busto Arsizio il blocco della circolazione sarà invece totale, anche se solo dalle 10 alle 17. A Gallarate e Saronno il blocco totale sarà invece in vigore dalle 8 alle 20. Per questa zona le deroghe sono leggermente diverse rispetto a Varese:
·    gli autoveicoli ad emissione nulla (motore elettrico);
·    gli autoveicoli equipaggiati con motore ibrido-elettrico e termico; ·    gli autoveicoli con motore ad accensione comandata alimentati a carburanti gassosi (metano, g. p. l.) dotati di catalizzatore ed omologati ai sensi della direttiva 91/441/CEE e successive direttive, immatricolati a partire dal 1 gennaio 1993 o immatricolati in precedenza purchè conformi alla citata direttiva 91/441/CEE;
·    gli autoveicoli ad accensione spontanea (diesel), conformi alla direttiva 98/69/CE-B e successive, aventi lettera di riferimento B, denominati “Euro 4”, muniti all’origine di dispositivo antiparticolato omologato, con certificazione riportata sul libretto di circolazione o rilasciata dal concessionario;
·    gli autoveicoli ad accensione comandata (benzina), denominati “Euro 4”, conformi alla direttiva 98/69/CE-B e successive, aventi lettera di riferimento B;
·    Sui tratti autostradali, delle strade statali e provinciali e i tratti di strade di collegamento con gli svincoli autostradali ricadenti nel territorio comunale: Firenze (da Via Sempione a Via Fagnano), Fagnano, Sempione, Samarate (da Samarate a Via Favana), Favana (da via Samarate a via Lonate), Lonate (da Magnago a Via Favana), Borri (da Castellanza a Piazzale Crespi), Toscana, Novara (da Viale Toscana a Bienate), Cassano (da Cassano a via XI Settembre), XI Settembre, Superstrada Malpensa, Grosseto, Tigrotti, Dei Sassi, A. da Brescia, Italia (da via A. da Brescia a L.go Alpini), Gabardi, Kennedy, Boccaccio (da p.le Kennedy a viale Toscana), Tasso (da C.so Sempione a via Venezia), Volontari Libertà;
·    agli autoveicoli, i motoveicoli e i ciclomotori delle Forze di Polizia, delle FF.AA., dei Vigili del Fuoco e dei Corpi e Servizi di Polizia Locale e Provinciale;
·    agli autoveicoli di pronto soccorso;
·    ai mezzi di trasporto pubblico;
·    ai taxi e alle autovetture di noleggio con conducente;
·    agli autoveicoli utilizzati per il trasporto di portatori di handicap, muniti del relativo contrassegno con il portatore di handicap a bordo;
·    alle autovetture targate CD e CC;
·    agli autoveicoli appartenenti a soggetti pubblici e privati che svolgono funzioni di pubblico servizio o di pubblica utilità che risultano individuabili o con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro come gli operatori dei servizi manutentivi di emergenza non rinviabili al giorno successivo (luce, gas, acqua, sistemi informatici, impianti di sollevamento, impianti termici, soccorso stradale, distribuzione farmaci e pasti per i servizi di mensa);
·    agli autoveicoli adibiti al trasporto di effetti postali e valori;
·    agli autoveicoli di medici e dei veterinari in visita urgente, muniti del contrassegno dei rispettivi ordini, operatori sanitari ed assistenziali in servizio con certificazione del datore di lavoro;
·    agli autoveicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili per la cura di gravi malattie (es: dialisi, chemioterapia ecc…) in grado di esibire relativa certificazione medica;
·    agli autoveicoli utilizzati da lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro con specificazione degli orari e del percorso;
·    agli autoveicoli degli operatori dell’informazione compresi gli edicolanti con certificazione del datore di lavoro o muniti di tesserino di riconoscimento;
·    i mezzi dei commercianti ambulanti limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il proprio domicilio al termine dell’attività lavorativa giornaliera e per gli espositori delle fiere;
·    agli autoveicoli degli addetti agli impianti industriali e di pubblica utilità operanti in ciclo continuo certificati dal datore di lavoro con specificazione degli orari e del percorso;
·    agli autoveicoli dei sacerdoti e dei ministri del culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero;
·    ai veicoli utilizzati dalle Società sportive o dai singoli iscritti aderenti alle Società stesse, appartenenti a Federazioni affiliate al CONI o ad altre Federazioni ufficialmente riconosciute, per lo svolgimento di manifestazioni già programmate, previo rilascio di attestazione di
     partecipazione da parte dalle medesime Società sportive;
     agli autoveicoli dei donatori di sangue muniti di appuntamento certificato per la donazione;
·    Ai veicoli diretti da o per l’Aeroporto della Malpensa muniti del relativo biglietto di viaggio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.