Islamici dal Prefetto: si cerca una soluzione al caso moschea

All'incontro presente anche il sindaco Mucci; poco trapela sull'esito della riunione. A breve le parti verranno riconvocate

Si è concluso con un nulla di fatto l’incontro in Prefettura tra la comunità islamica di Gallarate, rappresentata dal portavoce Mohamed Rachdi e dal legale Tatiana Bruna Ruperto, e il sindaco di Gallarate Nicola Mucci. L’incontro voluto dal prefetto Roberto Aragno su precisa richiesta giunta dal Vicinale, allo scopo per trovare una soluzione ad una situazione complessa e che si trascina da tempo. Le parti hanno tempo una settimana per presentare proposte alternative alla Prefettura, che avrà l’onere di valutarle e convocherà successivamente un ulteriore incontro per confrontare le posizioni e trovare una soluzione di compromesso.

Nei prossimi giorni intanto la comunità islamica deciderà dove pregare venerdì prossimo, se come annunciato in via Varese, all’interno o all’esterno del capannone che i musulmani vorrebbero diventasse un giorno la loro moschea, o davanti all’ex centro di via Peschiera, come da tre settimane questa parte. Questa sera, infine, la Lega Nord nel corso del question time in consiglio comunale, chiederà conto al primo cittadino dell’incontro con il Prefetto. Contestualmente il Carroccio proporrà una soluzione alternativa all’assemblea, una soluzione transitoria alla vicenda islamici per cercare una sorta di tregua elettorale: l’ipotesi è quella di destinare a spazio di culto il campo sportivo delle "Azalee". 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.