L’altra faccia dello skate è a Maccagno

Sul lago c'è l'unica struttura della provincia per gli skaters con decine di appassionati che ogni week-end si ritrovano per provare ogni sorta di trucco. Ma il sogno di tutti è lo skate park di Lugano

 L’altra faccia dello skate-board in provincia di Varese ha preso posto a Maccagno, la piccola cittadina affacciata sul lago Maggiore a due passi da Luino. Qui, sul lungolago del parco Giona, è nato un piccolo skate-park con una rampa e alcuni elementi per poter fare qualche acrobazia con la tavola. L’idea è nata dai giovani di tutta la zona e non solo di Maccagno. Essendo questa disciplina uno sport di nicchia ma con un bel seguito di appassionati molti ragazzi tra i 13 e i 30 anni hanno avanzato una richiesta al comune di Maccagno che non si è tirato indietro e ha costruito per i ragazzi lo skate-park, subito divenuto un vero e proprio punto di riferimento per tutta la scena varesina. Segnalato sui super-frequentati siti specializzati questo piccolo impianto ha molti estimatori e ogni week-end, soprattutto nei mesi più caldi, sono decine i ragazzi che lo sfruttano per esercitarsi.

Uno di loro ha addirittura pensato di creare un sito internet (www.maccagnobeach.it) sul quale la comunità si scambia indirizzi di negozi specializzati, pezzi di ricambio per i propri skate, informazioni su eventi, raduni e contest. «Quest’anno è possibile che si ripeta l’evento del 2004 – spiega Stefano Belluz uno dei promotori dello skate-park – quando organizzammo la prima edizione di Maccagnobeach, presto ci troveremo per organizzare una grande festa per quest’estate e festeggiare i due anni dell’impianto». Quella dello skate è una filosofia di vita che comprende anche un certo modo di essere dei "border-line": «C’è dentro la musica punk e c’è dentro un certo orgoglio metropolitano nello skate – continua Belluz – sicuramente quei ragazzi che sono stati fermati dalla Polizia a Varese mentre skateavano lo aggiungeranno al loro curriculum perchè questo è uno sport di strada». Ma le strutture servono? «Le strutture sono fondamentali in generale per i giovani – spiega lo skater – e in questo Varese come molti altri centri della provincia sono sordi e muti; sicuramente Lugano ha molto da insegnare a chi si occupa di giovani in questa provincia».

A Lugano c’è uno degli skate-park più grandi d’Europa dove centinaia di appassionati si ritrovano per provare le cose più assurde in sicurezza. Non solo, Lugano organizza eventi di grande richiamo per i giovani come la manfestazione musicale «Palco ai Giovani» o i vari festival di musica che non mancano mai di riempire la città di ragazzi. «Sicuramente questa città che è la metà di Varese – conclude Belluz – potrebbe essere presa da esempio senza problemi ma per molti nostri politici sarebbe come ammettere una sconfitta verso i giovani».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.