L’Einaudi affida la sua voce al “Murales”

Presentato ufficialmente il giornale

Il "Murales" è scritto. La voce dell’Einaudi è da oggi nero su biano. Un formato rivista, a colori, con tanto di foto e rubrica delle lettere.
Il primo numero del giornale è stato presentato ufficialmente in una delle tre sedi dell’Istituto Einaudi, quella appena ereditata in via Como.
A tenere a battesimo Murales, oltre al vicepreside Giovanni Baggio, era la professoressa Angela Sturniolo e un genitore che ha messo a disposizione la sua esperienza professionale per far decollare un progetto accarezzato da tempo.

Una decina gli studenti che si sono impegnati nel primo numero: «La parte più difficile è stata quella delle realizzazione dei pezzi – ha commentato una delle redattrici – lo stile giornalistico ci ha creato qualche difficoltà. I temi ci sono stati suggerriti dalla docente o dal genitore che ci ha aiutato ma alcune idee sono venute da noi».

Il primo numero di Murales è stato distribuito anche nelle scuole medie per far conoscere l’istituto ai ragazzi dell’ultimo anno: «Volevamo far sapere quello che facciamo e come lo facciamo – spiega il vicepreside – Lo abbiamo considerato un veicolo informativo anche dal punto di vista della crescita formativa. Inoltre è un mezzo per mettere in comunicazione tuttigli stuenti di una scuola divisa tra tre sedi».

Ora che il varo è stato fatto, per Murales arriva il momento di affrontare "il mare": « L’importante è crederci ed emozionarsi – commenta  Guido Olivieri, il genitore che ha collaborato – e magari coinvolgere tutti, studenti e genitori, per condividere un’esperienza importante di comunicazione. I temi di cui discutere sono tanti».

La redazione, dunque, è già al lavoro per il secondo numero: «Speriamo di veder arrivare forze nuove – aggiunge la professoressa Sturniolo – noi ci crediamo moltissimo e ci auguriamo che il cammino di Murales sarà lungo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.