L’Einaudi traslocherà nell’ex sede dell’Artistico

L’Istituto professionale pronto ad abbandonare la lontana e scomoda sede di via Goldoni

L’Einaudi, l’Istituto tecnico commerciale che a Varese oggi svolge la propria attività didattica su tre sedi, sarà riunito in un unico comparto quello compreso tra le vie Milano (nella vecchia sede dell’Artistico), Como e Rainoldi.

La decisione è stata adottata sulla base di una convenzione stipulata fra Provincia e Comune di Varese e siglata il 13 ottobre di sei anni fa e con la quale il Comune cedeva in comodato gratuito alla Provincia gli immobili di proprietà sede di istituti d’istruzione superiore.

L’Istituto Einaudi svolge attualmente attività didattica nelle sedi di via Rainoldi via Goldoni e via Como. Ed è proprio la presenza di una sede in via Goldoni, all’altro capo della città, nei pressi dell’ingresso dell’autostrada, che crea i maggiori problemi organizzativi. Da qui la decisione di razionalizzare gli spazi scolastici dell’Einaudi utilizzando al meglio le strutture esistenti. I vantaggi dell’operazione sono evidenti. La palazzina dell’ex artistico in via Milano dispone di una superficie utile di 2.430 m2 contro i 2.095 sfruttabili in via Goldoni. Gli spazi aggiuntivi potrebbero essere utilizzati per ampliare l’offerta formativa. «L’edificio di via Milano – commenta Marco Reguzzoni, presidente della Provincia – è uno stabile già adibito in passato ad uso scolastico e rappresenta una risorsa per la città di Varese. E’ giusto pertanto preservarlo nella sua funzione originale dando agli studenti un luogo in cui poter apprendere e una soluzione logistica ottima».

«Questa decisione – aggiunge l’assessore provinciale all’edilizia scolastica, Graziella Giacon – permetterà di raggruppare l’attività didattica in un unico comparto su tre edifici attigui, per di più collegabili direttamente e con conseguenti indubbi vantaggi sia dal punto di vista gestionale, sia per la stessa qualità dell’offerta formativa scolastica. Si passa per di più da una sede decentrata come quella di via Goldoni, ad una sede centrale e vicinissima alle stazioni, dunque comoda per gli studenti pendolari ed è un immobile che, opportunamente ristrutturato è anche prestigio».

La Provincia provvederà ora a stilare il progetto d’intervento di ristrutturazione dell’edificio di via Milano che ha ospitato l’Artistico. Un’accelerazione dei tempi imposta anche dalla situazione di stallo in cui versa l’Amministrazione comunale di Varese sciolta in anticipo. Attendere il voto, la formazione della nuova Giunta comunale e la piena operatività della stessa avrebbe allungato e di molto i tempi precludendo così la possibilità di chiudere con la situazione dell’Einaudi fra un paio d’anni. «Ho preso una decisione – conferma Marco Reguzzoni, presidente della Provincia – della quale mi assumo tutta la responsabilità: il tergiversare ancora avrebbe fatto perdere anche l’anno scolastico 2007-2008».

Quanto ai costi, solo con la redazione del “preliminare” sarà possibile quantificare l’ammontare della spesa attualmente valutabile in circa 1,5 milioni di euro. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.