La Camera approva, la pretura tornerà a Luino

Pellicini:«Una vittoria di tutto il territorio, ora il Luinese ha avuto giustizia»

«Ce l’abbiamo fatta nei tempi di recupero ma entro tre o quattro mesi Luino riavrà la sezione distaccata del tribunale di Varese». La voce del senatore Piero Pellicini è quella di una persona pacata ma consapevole di aver vinto una battaglia lunga anni per riportare a Luino il tribunale. Più di cinque anni, infatti, ci sono voluti per portare alla Camera in sede deliberante la proposta di legge voluta dal senatore e da sempre appoggiata da una maggioranza trasversale.

La proposta era ferma da anni, ormai, alla commissione bilancio della Camera e nessun tentativo portato avanti dal senatore, fino ad oggi, era riuscito a schiodarla da quel parere necessario alla sua approvazione:«Finalmente hanno capito che il costo era zero – ha detto Pellicini – infatti gli stessi mobili che ora sono alla sede distaccata di Gavirate verranno spostati a Luino». Nel 1999 l’amministrazione fece costruire una nuova sede per la pretura di Luino ma mentre questa veniva costruita giunse la legge che tagliava le sedi distaccata riducendole di molte unità sul territorio nazionale e così Luino, che l’aveva temporaneamente spostata a Gavirate rimase senza giudici.

Il risultato fu una pretura costata miliardi vuota come una cattedrale nel deserto, lasciando 55 mila abitanti senza un punto giustizia nel territorio di fatto costringendoli ad andare a Varese. Negli ultimi anni, poi, la pretura di Gavirate era stata svuotata dei suoi poteri a causa della sua vicinanza a Varese. Ora finalmente è giunta la svolta proprio quando nessuno sperava più in un risultato del genere. «E’ una vittoria di tutto il territorio – ha concluso Pellicini – Luino non può permettersi di perdere un solo servizio di quelli che offre ai suoi cittadini».

Riparte con grande vigore, dunque, anche il progetto del «Polo Caserme» attorno alla pretura, voluto dall’attuale sindaco Gianercole Mentasti il quale, nei giorni scorsi ha affermato la prossima costruzione della nuova caserma dei Vigili del Fuoco proprio nei pressi della pretura. A seguire verranno costruite lòa nuova sede della Polizia di stato e la caserma della Guardia Frestale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.