La regina dei cosmetici licenzia 115 lavoratori

Continua la protesta dei lavoratori dell'Avon. Il 22 febbraio presidio all'Unione industriali di Como

«Siete bravi, efficienti, fantastici e capaci, ma ci dispiace dobbiamo licenziarvi. Un paradossso, ma è andata così». A parlare è Giovanni Groppi, manager e membro della rappresentanza sindacale (Cgil) dell’Avon che ha ad Olgiate Comasco una delle sue filiali italiane, dove lavorano circa 300 persone. Lo "sfoltimento" riguarda  115 dipendenti del  reparto marketing , un reparto strategico considerato che questa storica azienda di cosmetici vende solo su catalogo e con le presentazioni dei prodotti fatte da una capillare rete di venditori.  «La decisione – continua Groppi – ha una logica ben precisa. Le multinazionali non hanno la testa e il cuore sul territorio. Quindi quando decidono di spostare una produzione non si fanno molti problemi».

L’Avon conta circa 48 mila dipendenti nel mondo. Una vera e propria corazzata industriale nel campo dei cosmetici. Nonostante la sua dimensione gloabalizzata, colpisce la decisione presa dalla multinazionale perché quella di Olgiate Comasco è una sorta di istituzione per la sua storia e presenza sul territorio. «Ciò che lascia perplessi è la scelta di spostare l’intero cluster (fase di lavorazione ndr) in Spagna, dove già si producono gli stampati per i venditori, ma che non comporterà un risparmio vero e proprio. Accorpano ed eliminano le strutture doppie, favoriti anche dalle nuove tecnologie che permettono lo spostamento di informazioni con grande facilità».

Il 90 per cento degli esuberi sono donne e questo è uno dei punti delicati della questione. In questa azienda ha anche lavorato per molto tempo il ministro del Welfare Roberto Maroni prima di passare alla politica a tempo pieno. «Abbiamo protestato con un presidio davanti al Comune – conclude Groppi – e per il 22 febbraio abbiamo previsto un altro presso la sede dell’Unione industriali di Como. Il ministro? Non l’abbiamo ancora contattato. Chissà…».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.