Legittima difesa, sempre più soli

Lettera del membro della segreteria cittadina del PdCI gallaratese Massimo Cattin

Riceviamo e pubblichiamo

La legge approvata in Parlamento, non ancora firmata dal Presidente Ciampi, sulla “legittima difesa”, ha come aspirazione quella di dare una risposta efficace alla domanda di maggiore sicurezza che  viene dai cittadini.

Dobbiamo però ricordare la propaganda fatta, dagli esponenti della cdl, contro l’allora maggioranza di centrosinistra, solo per fini elettorali, sul tema della sicurezza ed è evidente il fallimento dei loro proclami, tant’è che si scaricano pericolosamente sui cittadini gli scarsi risultati ottenuti.

Non entro nel merito sulla proporzionalità dell’offesa rispetto a chi si difende, altri hanno maggiore titolarità ma desidero porre delle considerazioni sulla nuova legge.

Le persone maggiormente deboli, come anziani o coloro che non hanno dimestichezza con le armi, ma spinte da questa legge ad acquistarne una con l’illusione di potersi difendere da soli, saranno più sicure?. Prendiamo poi in considerazione i commercianti, i quali vivono in prima persona le drammatiche esperienze di rapine che si trasformano, a volte, in tragedie.

Se posso permettermi chiederei ai commercianti se questa modifica della legge vi rende più sicuri, o se invece ne aumentano la paura e l’ansia di subire una rapina sapendo che:

 · I rapinatori sanno benissimo di trovarsi di fronte alla possibilità concreta di uno scontro armato, aumentandone quindi l’agressività.

 · La vita dei dipendenti, dei clienti o passanti sarà più sicura?.

 · Le angosce dei propri cari o personali che si manifestano dopo aver subito traumi che, indubbiamente, segnano profondamente le persone, saranno attenuate da questa legge o sarete sempre soli?.

 · Vi è il pericolo che questa legge vi spinga all’uso delle armi, altrimenti rischiate di passare per deboli e incapaci di difendervi.

 · Ogni legge impone dei cambiamenti nei comportamenti delle persone, questi cambiamenti si traducono spesso in statistiche. È così fuori della ragione temere che il cambio della legge possa innalzare un “dato” e a quel cambiamento il responsabile sarà ben preciso e ne dovrà rispondere moralmente?.

C’è DA SPERARE CHE QUESTA LEGGE SIA DA DETERRENTE NEI CONFRONTI DEI RAPINATORI…APPUNTO, SPEREM.

Cattin Massimo

Segreteria cittadina PdCI Gallarate

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.