Maccione e Magni di nuovo a processo: oggi la sentenza

Attesa la sentenza d'appello presso il tribunale dei Minori di Milano per i due, accusati nell'ambito della vicenda delle Bestie di satana. Magni in primo grado fu assolto

Si è aperto oggi a Milano, presso il tribunale dei Minori, il processo d’appello contro Mario Maccione e Massimiliano Magni, accusati per i delitti delle Bestie di satana e minorenni all’epoca dei fatti.

Maccione, teste chiave, era già stato condannato a 19 anni in primo grado, mentre Massimiliano Magni era stato assolto, non avendo i giudici rilevato elementi gravi a suo carico. In mattinata Maccione si è dichiarato pentito di quanto fatto: fu lui, il "medium" dela setta e uno dei più spietati massacratori della banda, a colpire Fabio Tollis con un gran numero di colpi di martello la notte tra il 17 e il 18 gennaio 1998, uccidendolo insieme a Chiara Marino con la collaborazione di Nicola Sapone e Andrea Volpe . "Ho riacquistato la lucidità" avrebbe detto Maccione rivolto ai giudici.

Il processo si sta svolgendo a porte chiuse e dovrebbe concludersi in giornata con la sentenza. L’accusa in mattinata ha chiesto diciassette anni e otto mesi per Maccione e dieci anni per Magni, che in primo grado grado era stato assolto.

(seguono aggiornamenti)

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.