Mille imprese in più in provincia

I due settori in maggior crescita percentuale sono la sanità e l'agricoltura

E’ di 1000 imprese in più il risultato economico del registro imprese della Camera di Commercio: questo è infatti è il saldo tra il numero di imprese nate e imprese cessate in provincia. 

Più precisamente nello scorso anno le imprese in piena attività in provincia di Varese sono cresciute di 1.020 unità, toccando quota 62.319 rispetto alle 61.299 del 2004.  Un dato che vede negli ultimi dodici mesi stazionario il numero delle cessazioni, confermando che l’aumento è in gran parte frutto delle nuove iscrizioni al Registro delle Imprese tenuto presso l’ente di piazza Monte Grappa. Questa dinamica colloca Varese (+1,66%) un poco al di sopra della media lombarda, che cresce del 1,61% nel numero delle nuove imprese e decisamente oltre quella nazionale, che è del +1,12%.   

In termini percentuali a Varese l’incremento maggiore viene registrato alla voce “Sanità e servizi sociali”, che cresce del 9,47%, con un incremento numerico di 32 imprese (da 338 a 370 imprese). Secondo per crescita, sempre in termini percentuali è il settore “Agricoltura, caccia e silvicoltura” che aumenta del 7,74%, oltre 160 imprese in più (da 2.106 a 2.269 imprese): 

«Il lavoro di rilancio dell’agricoltura sta dando evidentemente i primi frutti. Il lancio dei prodotti tipici ha fatto da traino a una nuova immagine dell’agricoltura in provincia – ha commentato Fernando Fiori, rappresentante dell’agricoltura in giunta di Camera di Commercio – La cartina di tornasole del fatto che questo lavoro è stato condotto bene  è che c’è chi ha creduto nella possibilità di provare a fare impresa in questo settore e si è mosso. Le difficoltà da affrontare sono ancora parecchie ma il segnale è positivo, e investe tutti i settori dell’agricoltura»

Altri comparti in crescita sono quelli relativi a “Attività immobiliare, noleggio, informatica e ricerca” (+4,69%), “Costruzioni” (+3,77%) e “Alberghi e ristoranti” (+3,59%). Questi ultimi, nel corso del 2005 hanno raggiunto quota 3.000 partendo dalle 2.896 strutture ricettive dei dodici mesi precedenti.

Complessivamente, con 36.234 imprese quello dei Servizi e Commercio (+1,93%) è il settore più rappresentato. Precede l’Industria con 23.376 imprese (+0,72%) mentre l’Agricoltura, conteggiando anche la pesca e la piscicoltura, conta su 2.289 imprese.
Diversa questione per Il settore dell’Artigianato, che ingloba aziende sia del Manifatturiero che del Terziario, passato dalle 23.897 imprese di fine 2004 alle 23.961 del dicembre 2005: questo settore registra un sostanziale pareggio, cioè una situazione al di sotto della media nazionale (+0,27%). 


Viste secondo la forma giuridica adottata, continuano a essere preponderanti le ditte individuali, anche se in leggera diminuzione: sono le più diffuse, con la percentuale del 54,4% sul totale. Aumentano invece del 5,11%,  le società di capitali attive sul territorio varesino, che sono diventate 11.714 il che porta la loro incidenza sul totale al 18,8%.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.