Niente corteo islamico, ma la porta del dialogo è aperta

Annullata la manifestazione prevista per sabato 11 febbraio: non è stato concesso ai musulmani di arrivare in piazza Libertà per la presenza dei banchetti politici

Niente corteo per sabato 11 febbraio. La comunità islamica di Gallarate ha deciso di revocare la manifestazione annunciata per le vie della Città dei Due Galli, inizialmente promossa per protestare contro l’ordinanza di chiusura del capannone di via Varese, che i musulmani hanno la ferma intenzione in futuro di adibire a centro islamico. «Non ci hanno concesso di arrivare in piazza Libertà – spiega Mohamed Rachdi, portavoce della comunità gallaratese –: ci sono i banchetti dei partiti politici. Ii percorsi alternativi che ci hanno proposto non avevano senso e abbiamo preferito rinunciare al corteo. Per ora non abbiamo in programma altre iniziative. Venerdì 10 febbraio pregheremo davanti all’ex centro islamico di via Peschiera a Cedrate». Appuntamento a mezzogiorno, rivolti verso La Mecca, sperando nella clemenza del freddo.

Soddisfatto Rachdi per l’incontro di ieri, 9 febbraio, con il prefetto Roberto Aragno e il sindaco di Gallarate Nicola Mucci: «Si è aperta la porta del dialogo, finalmente – spiega il portavoce della comunità musulmana -. Anche il sindaco si è dimostrato disposto a cercare una soluzione. Tra 15 giorni ci sarà un nuovo incontro in Prefettura, prima chiederò al sindaco di incontrarci per parlare, oltre che di integrazione, anche del futuro della moschea: ci sono problemi da risolvere, la volontà sembra esserci». I lavori a via Varese sono per il momento bloccati, ma Rachdi si augura che possano essere terminati: «Siamo al 90 per cento dei lavori: se ce li fanno finire, abbiamo intenzione di chiedere ufficialmente il cambio di destinazione d’uso».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.