Omicidio del carabiniere: «Uno schiaffo mortale»

La lettera del segretario del Libero Sindacato Polizia, Antonio De Lieto

«Il Libero Sindacato Polizia (Lisipo), esprime profondo cordoglio alla famiglia del brigadiere dei Carabinieri,  Cristiano Scantamburlo, che ha perso la vita in servizio di posto di blocco nel ferrarese  nelle prime luci dell’alba di domenica». Lo scrive Antonio De Lieto, il segretario nazionale del sindacato dopo il grave fatto che ha insanguinato la giornata di ieri.

«Il collega Scantamburlo, unitamente all’altro componente della pattuglia, hanno fermato un’auto (risultata poi rubata) sulla statale Romea, a Lido delle Nazioni. Uno dei quattro occupanti, Antonio Dorio, 37 anni, in regime di semilibertà, ha tentato di fuggire. L’uomo è però stato subito riacciuffato e caricato sulla gazzella per essere portato al comando, mentre gli altri tre occupanti dell’auto sono stati prelevati da altre pattuglie. Durante il tragitto verso la caserma,  il Dorio è riuscito a liberarsi dalle manette e ha fatto fuoco con una pistola che aveva nascosto, colpendo a morte il capopattuglia, il brigadiere Cristiano Scantamburlo. Un’altra  vita si è spezzata! A tal riguardo il Lisipo concorda su quanto dichiarato dal Ministro Castelli: “Occorre fare una riflessione profonda sui criteri che vengono seguiti nel porre in essere concessioni premiali ai detenuti.Gli errori dello Stato non possono essere pagati dai cittadini”».

«Ci troviamo, purtroppo – continua il comunicato di De Lieto – a riflettere nuovamente sulle problematiche che attanagliano il nostro paese ed a domandarci amaramente quanto lutto dobbiamo ancora subire prima che taluni signori, che occupano posti di potere, si rendano conto che per i criminali incalliti non devono esistere trattamenti privilegiati come nel caso di specie? A parere del Libero Sindacato Polizia per certi delinquenti deve esistere solo il regime del carcere duro ove devono scontare interamente la pena. Premiare questi criminali, a nostro avviso, è uno schiaffo mortale  ad onesti servitori dello Stato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.