Per imparare un lavoro si deve conoscere l’italiano

Firmato un protocollo d'intesa tra Asl, Rotary e Agenzia Formativa nel campo dell'alfabetizzazione degli stranieri

Quando il Rotary volle mobilitarsi nel campo dell’alfabetizzazione non avrebbe mai immaginato di quanto ampio fosse il bisogno. Per stessa ammissione di Renato Cortinovis, presidente della commissione alfabetizzazione del Rotary International, quello che sembrava essere un settore ormai limitato si rivelò un campo sterminato, dove la necessità di conoscere ed imparare era enorme. "Pensammo al settore dell’informatica, per poi focalizzare tutti i nostri sforzi per aiutare i tanti stranieri presenti sul territorio a conoscere la lingua italiana".

Al d là dei corsi di italiano, il Rotary pensò a realizzare supporti formativi specifici per i settori lavorativi in cui gli stranieri si trovavano ad operare: "Capimmo la necessità che oltre alla lingua generica, c’era l’esigenza di approfondire il glossario tecnico. Il primo esperimento lo realizzammo nel campo della falegnameria per poi passare alla lavorazione del marmo".

Da quei primi esperimenti, si è passato ad una vera e propria azione di divulgazione del frasario specifico analizzando ogni settore in cui si presentasse la necessità per l’aumento della manodopera straniera.
Ad oggi, il Rotary ha curato la realizzazione di ben undici strumenti formativi redatti in dieci lingue ( inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, arabo, cinese, russo, romeno, italiano) per imparare le diverse terminologie del settore del legno, piuttosto che quello dell’edilizia, della metalmeccanica, e poi plastica, florovivaistica, ortofrutticola, infortunistica, ausiliari per anziani, badanti.

il progetto di alfabetizzazione è stato accolto dall’Asl di Varese nell’ambito del progetto intercultura che da tempo persegue con il Comune di Varese. L’inziativa ha incontrato anche il favore dell’Agenzia Formativa che ha deciso di adottare il supporto formativo nei propri corsi. L’accordo è stato formalizzato ufficialmente e darà il via ad una serie di sinergie nel campo della formazione dei ragazzi. Il presidente dell’Agenzia Roberto Bosco, i rappresentanti del Rotary e il direttore generale dell’Asl Pierluigi Zeli hanno siglato un accordo che vedrà, quindi, ulteriori ambiti di collaborazione

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.