“Perse” 1840 copie del giornalino comunale

Dal 6 febbraio scorso non si sa più nulla sull'informatore comunale. Il comune punta il dito sulle poste, che replicano: «Non cirisulta nessun disguido»

“Il primo numero del 2006 dell’informatore comunale doveva arrivare nelle case dei cantellesi già alla metà di febbraio, invece i cittadini dovranno aspettare ancora a lungo prima di poter leggere le news del paese”. La denuncia arriva da un insolito comunicato del comune di Cantello, dove l’amministrazione comunale punta il dito sulla causa del disservizio: “i giornali sono stati smarriti dalle Poste e non si sa quando giungeranno a destinazione”.

Ma ecco nel dettaglio la ricostruzione offerta dall’amministrazione comunale. “Il 2 febbraio la tipografia di La Spezia ha spedito le 1840 copie stampate che sono arrivate alle Poste di Varese il 6 febbraio. Da allora però si sono perse le tracce dei notiziari. All’ufficio postale di Cantello il pacco tanto atteso non è mai arrivato e nessuno, nonostante le insistenze e le numerose telefonate effettuate dal Municipio di Cantello, sa dire se i periodici siano mai giunti a Roserio, in provincia di Milano, dove ha sede il centro di smistamento lombardo delle Poste. Nei giorni scorsi è stata inoltrata a Poste Italiane una protesta scritta e anche l’ultimatum inviato lunedì nel quale si avvisava di un ricorso a vie legali se entro oggi, giovedì 23 febbraio, non fossero arrivate le copie a Cantello, non ha portato alcun effetto”.

Ora dal Comune partirà l’ordine di una nuova ristampa e la conseguente richiesta di rimborso spese e di un indennizzo per i danni subito alle Poste. Per ogni numero l’Amministrazione comunale sborsa 700 euro per stampa e impaginazione, una cifra considerevole per un piccolo Comune, che viene in parte coperta dalla pubblicità. Ora però si corre il rischio che gli inserzionisti non paghino, vista la mancata consegna.

“Sindaco e assessori sperano che il disguido si risolva al più presto – si legge nella conclusione della nota – e nel frattempo si scusano con le famiglie per un danno che comunque non dipende da loro”.
Immediata la replica da Poste Italiane. “Siamo stupiti di questo problema – spiegano dalla direzione marketing di Milano -. Cantello, in particolare, è una zona ben servita dall’azienda e non ci risultano particolari disservizi. Escludiamo che il problema derivi dalle poste di Cantello. Su Roserio stiamo facendo le debite verifiche, anche se appare assai improbabile che il problema arrivi da lì».
Nell’attesa di sapere come andrà a finire la questione, auguriamo ai cittadini di Cantello di dotarsi di buona pazienza e di attendere, per conoscere le news del paese pubblicate sul bollettino comunale. Si spera che la distribuzione delle pubblicazioni arrivi per tempo: con l’avvicinarsi dell’estate le notizie, oltre che vecchie, rischiano di non essere più buone neppure per accendere il camino.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.