Piano parcheggi dell’ospedale: tanto rumore per nulla

Ad oltre un mese dalla rivoluzione posteggi, siamo tornati all'ospedale di Circolo per vedere com'è la situazione

Galleria fotografica

Piano parcheggi dell'ospedale: cos'è cambiato? 4 di 11

Era stato annunciato come una rivoluzione. Era stato vissuto come una sciagura. Il piano parcheggi all’ospedale di Circolo voluto dall’ex direttore Roberto Rotasperti ha messo a dura prova la pazienza di dipendenti e cittadini per oltre un mese. Ma oggi, dopo gli "addolcimenti"  pensati dal nuovo direttore generale Carlo Pampari, com’è la situazione?

Siamo tornati sui luoghi della rivoluzione per verificare che di tutto quel progetto rimangono solo le difficoltà degli utenti e i permessi di ingresso a pagamento per i dipendenti
All’esterno, in effetti,  è sempre un calvario per gli utenti costretti a vagare per decine di minuti alla ricerca di un posteggio più o meno autorizzato. I due parcheggi dei dipendenti sin dalle 8 del mattino sono già esauriti.

All’interno del perimetro ospedaliero, viceversa, la situazione è nuovamente caotica: i cartelli di divieto vengono disattesi, le vetture sono ferme in qualsiasi "buco", non vengono neppure rispettati gli incroci.
La situazione più problematica rimane quella attorno al pronto soccorso, nella zona della geriatria e della pneumologia. La guida all’interno è sempre difficoltosa e i pericoli denunciati dall’ex Rotasperti, condivisi da tutti, rimangono pienamente evidenti al primo colpo d’occhio.

Ma se i parcheggi esterni sono esauriti, se le vie attorno all’ospedale sono soffocate dalle auto, se via Gasparotto ha visto allungarsi la fila di automobili ferme ai bordi, chi parcheggia all’interno? Pare che, effettivamente, i controlli all’ingresso di via Lazio siano diventati più blandi, entrino più vetture che, probabilmente, preferiscono la sosta selvaggia alla ricerca di un posto regolare magari nei parcheggi periferici del nosocomio.
Una timida giustificazione potrebbe venire dal mancato rifacimento della segnaletica che, in base all’ultimo accordo, avrebbe delineato meglio le zone a pagamento ricavando qualche posteggio ulteriore. L’ultima nevicata non ha certo agevolato la direzione dell’ospedale costringendola a rimandare i lavori al disgelo.

Anche l’annuncio di una nuova area di parcheggio in via Sebenico, riservata agli utenti dell’ospedale, segna il passo. Il campo rimane ricoperto di neve immacolata, con un contorno di auto ferme alla bell’e meglio.

In giugno è prevista l’inaugurazione del nuovo parcheggio multipiano con 716 posti. ma, allora,  non si poteva evitare tutto questo trambusto?

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 febbraio 2006
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Piano parcheggi dell'ospedale: cos'è cambiato? 4 di 11

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.