Ping-pong: il cellulare si trasforma in una racchetta

Dalla varesina Mobile Solutions una piccola rivoluzione nel campo dell’intrattenimento mobile, che promette di affascinare anche i più disincantati

Sei fermo in stazione, mentre aspetti il treno che è ancora in ritardo. Improvvisamente vedi che quella signora composta accanto a te inizia a sbracciarsi. Si alza in piedi, continua a muoversi, agita il cellulare. Forse una discussione animata con il suo fidanzato? No, non sta parlando. Forse è pazza? Ma no, fino a pochi secondi fa parlava tranquillamente con te. Allora non le prende il telefono! Nemmeno, sarebbe decisamente eccessivo. E allora cosa sta facendo? Semplice, sta giocando a ping-pong. Sì, avete capito bene, sta giocando a ping-pong muovendo il cellulare. La pallina, ovviamente, è virtuale. È questa l’ennesima rivoluzione dell’intrattenimento su cellulare, un giochino chiamato Pingis.

Si tratta del primo frutto della collaborazione tra la varesina Mobile Solutions e l’innovativa azienda finlandese VTT. Pingis è un tennistavolo virtuale nato dal concetto di interazione guidata dalla fotocamera del cellulare. Il software creato (per ora solo per telefoni Symbian OS serie 60), infatti, è in grado di definire il movimento in tempo reale, grazie all’elaborazione delle immagini catturate.

Un’altra cosa bella di questo software è la possibilità di giocare con un amico, ora con un collegamento bluetooth, e in futuro con il collegamento GPRS, che permette di interagire con soggetti lontani, in qualunque angolo del mondo.

L’innovazione, al di là del singolo episodio di Pingis, non è certo destinata a passare inosservata. La frontiera odierna del gaming di oggi, infatti, è proprio il gioco immersivo, nel quale la realtà virtuale si confonde con quella concreta. Ad esempio sta giocando il suo futuro su questo principio anche la stessa Nintendo, che per l’imminente consolle Nintendo Revolution ha creato un controller sensibile al movimento, che permette all’utente di giocare a ping pong, combattere con una spada, emulare un corso di cucina o magari dirigere un’orchestra virtuale.

Le possibilità sono infinite, e in un cellulare possono arrivare all’ennesima potenza. La connettività wireless, infatti, permette di interagire con tutti, in qualsiasi luogo o momento.

Quindi forza, mettiamo ginocchiere e alleniamo l’urlo alla Sharapova: oggi si gioca con il telefonino…

Servizi per cellulari: Varese fa scuola negli Usa

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.