Riscoprire Gaber, per beneficenza

Sabato uno spettacolo gratuito all’auditorium di Gavirate. Con la compagnia Entrata di sicurezza, in favore della casa di riposo Bernacchi

Sabato 11 febbraio alle 21 la compagnia filodrammatica “Entrata di sicurezza” di Castellanza porterà in scena, all’auditorium di Gavirate, lo spettacolo “E pensare che… c’era Gaber”, di Massimiliano Paganini con le musiche di Giorgio Gaber.

 

Ovviamente il titolo scelto rimanda a “E pensare che c’era il pensiero”, una delle opere teatrali più belle del  cantautore milanese. Qui i classici del repertorio di Gaber sono affiancati a pezzi più recenti. Così accanto ai tradizionali “Non arrossire”, “Barbera e Champagne” e “La ballata del Cerutti”, gli spettatori avranno la possibilità di ascoltare e vedere i più recenti "Destra-sinistra", "I barbari", "Quando sarò capace di amare". Anche i temi sono quelli classici dell’attore milanese: la decadenza della nostra civiltà, l’amore e la mancanza di pensiero.

 

L’evento, il cui ingresso è libero, è stato organizzato in favore della Fondazione Onlus Casa di Riposo Bernacchi proprio dalla compagnia teatrale, mentre l’auditorium è stato messo a disposizione dall’amministrazione comunale cittadina.

 

Una serata nel segno delle solidarietà: infatti si raccoglieranno fondi per gli anziani dello storico centro cittadino. “Confidiamo nella presenza – ha sottolineato il direttore della Fondazione Sergio Sgubin – di un folto pubblico, sempre sensibile alla realtà della Bernacchi e soprattutto ai bisogni dei nostri ospiti”. Il centro, infatti, si sta sempre più aprendo al territorio e alla popolazione, in un’ottica intergenerazionale, affinché il grande patrimonio dei nostri anziani non vada perso.

 


Compagnia Entrata di Sicurezza

“E pensare che… c’era Gaber”

Sabato 11 febbraio, ore 21

Auditorium di Gavirate

Ingresso libero

A favore della casa di riposo Bernacchi

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.