San Valentino, quanto mi costi

La festa degli innamorati è un business e una conquista è calcolabile anche economicamente: e i conti li ha fatti la camera di Commercio di Milano

Gioiellerie, fioristi, articoli da regalo, pasticcerie, ristoranti: sono quasi 16 mila le imprese lombarde interessate ai classici doni di San Valentino. Un business che coinvolge oltre 10 mila ristoranti, quasi 2 mila gioiellerie, oltre 2 mila fioristi, più di 700 negozi di articoli da regalo e 500 pasticcerie. Tra le province più dotate per la varietà di scelta ovviamente Milano (con il 34,9% del totale regionale delle imprese interessate al San Valentino), poi Brescia, Bergamo e Varese (con il 9,1%). E un settore che cresce del 3% in un anno: guidato da Milano, ma tallonato però dalle provincie di Lecco e Varese, che cresce di oltre il 5%.

I dati economici di san Valentino arrivano dalla camera di Commercio di Milano, che si è presa la briga anche di fare un sondaggio commerciale su oltre mille utenti, per identificare quali sono i locali dove conquistare la donna della propria vita: un sondaggio da cui emerge che la maggior parte dei "conquistadores" mette in conto, per raggiungere l’obiettivo, una spesa tra i 100 e i 200 euro (ma una percentuale non insignificante – il due per cento – ne ha preventivati oltre 1500… ) e che i posti migliori sono i ristoranti e le pizzerie, tallonati da discoteche e locali notturni, perchè sono ambienti che favoriscono le conoscenze.

Risposte che riflettono un modo di muoversi vecchio come il mondo, a cui se ne accostano però di più originali: come il sei per cento di persone che cerca la fidanzata in palestra o nei negozi di abbigliamento o intimo, o alla percentuale di pretendenti dal "braccino corto" (che non sono pochi: il 6%) che contano di conquistare una donna senza spendere un bel niente. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.