Se il tempo fosse un gambero

Da questa sera a domenica 19 febbraio Max Giusti e Roberta Lanfranchi al Giuditta Pasta con una commedia musicale nella migliore tradizione della ditta Garinei & Giovannini

Da questa sera fino a domenica 19 febbraio al Teatro Giuditta pasta sono di scena Max Giusti e Roberta Lanfranchi con "Se il tempo fosse un gambero", un classico della commedia musicale nella miglior tradizione della ditta Garinei e Giovannini. In scena un cast imponente, che vede in scena, oltre ai protagonisti, una ventina di attori solisti diretti da Pietro Garinei.

La vicenda si snoda a Roma tra il tempo presente e il 1928. Adelina è una vecchietta centenaria che proprio il giorno del suo centesimo compleanno esprime un desiderio segreto: tornare ventenne per sposare quel nobile che le aveva chiesto la mano e che lei aveva respinto. E per veder realizzato questo suo sogno sarebbe disposta a vendersi l’anima. Max, un diavolo di passaggio, la sente e ne approfitta: la ringiovanisce e la riporta indietro nel tempo, in cambio della promessa di avere la sua anima. Tornata ad avere vent’anni Adelina si ritrova giovane fioraia a Campo Dei Fiori. Ma non può tutto essere così semplice: sia Max che Adelina infatti non prevedono che al cuore non si comanda…

"Se il tempo fosse un gambero" debuttò nel 1986 al Teatro Sistina ed ottenne un grandissimo successo. Ancora oggi, stando ai risultati di un sondaggio effettuato presso gli spettatori, risulta essere quella che più di tutti il pubblico vorrebbe fosse ripresa. Merito della storia che offre momenti di grande divertimento, delle musiche che rimangono nell’orecchio e nel cuore dello spettatore.

Il cast, vede Max Giusti nel ruolo del protagonista, ancora impegnato in una commedia musicale dopo il personale successo ottenuto nel ruolo di Toto in “Aggiungi un posto a tavola” e dopo essere diventato una rivelazione comica con la sua presenza nella trasmissione televisiva “Quelli che …”.  Accanto a lui debutta nella commedia musicale nel ruolo di Adelina Roberta Lanfranchi, conosciuta dal pubblico televisivo per la sua partecipazione a numerose trasmissioni televisive. Nel ruolo di Sora Lalla, la madre di Angelina, troviamo una spumeggiante Liana Orfei che dona brio e simpatia al suo personaggio.

"Se il tempo fosse un gambero"

Teatro Giuditta Pasta
Venerdì 17 e sabato 18 febbraio, ore 21
Domenica 19 febbraio, ore 15.30 e 21

Ingresso con biglietto Euro 25,00/19,00

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.