Solanti e il centrosinistra preparano la d-istruzione della scuola pubblica samaratese

Duro attacco della Lega Nord all'amministrazione in carica

Riceviamo e pubblichiamo

Con la presentazione del Bilancio di previsione 2006, le sue relazioni, i suoi allegati (come il Programma triennale opere pubbliche), abbiamo voluto verificare le intenzioni e gli impegni del sindaco Solanti e dei suoi assessori in merito al mondo della scuola samaratese; il quadro che ne appare è a dir poco sconcertante!! Per il 2006 (tutti i dati sono nero su bianco tra i documenti ufficiali forniti dell’amministrazione) eccovi le previsioni:

· cancellazione del servizio di trasporto scolastico: da giugno non sarà più prevista una lira di spesa.

· il servizio di trasporto verso Busto Arzisio per gli utenti delle scuole superiori in accordo con AgespTrasporti verrà messo in discussione

· Le mense scolastiche (insieme ad quelle per asilo nido, materne, anziani) passano alla nuova Azienda Comunale Servizi in una sorta di privatizzazione di importanti e delicati servizi come quelli scolastici

· Aumento del buono pasto per le mense scolastiche: mezzo euro in più e solo in pochi mesi  di governo, superando in un sol colpo  la somma di  tutti gli aumenti che il centrodestra ha fatto in cinque anni.

· “Valutazione del ridimensionamento del diritto allo studio”, questo è l’obiettivo dichiarato nella relazione programmatica. Dopo il tentativo del 2005 dell’assessore Torricelli, smascherato dalla Lega Nord e costretto a correre ai ripari, pare che il centrosinistra torni all’attacco  per ridurre i fondi da destinare alle scuole samaratesi!!

· L’unica variazione a vantaggio degli utenti è, udite udite , la riduzione del buono pasto delle mense scolastiche per i NON residenti!!

· nel Programma triennale delle opere pubbliche appare in modo evidente e inequivocabile l’incoerenza di Solanti e Torricelli: le promesse elettorali anche nel campo dell’edilizia scolastica vanno a farsi benedire.

Manca nel Piano triennale la nuova palestra per la scuola elementare di Verghera, che sicuramente non verrà mai inserita visto che sempre per le scuole elementari di Verghera si prevede nel 2006 la “Riqualificazione spazi esterni”  (voce n°8 del Prog.triennale) dove doveva trovare sistemazione una eventuale nuova palestra. Inoltre viene dimenticata la più importante sistemazione degli spazi INTERNI che si libereranno con lo spostamento del centro cottura a Cascina Elisa. Tali sistemazioni sono assolutamente necessari per restituire aule alla scuola almeno alla pari con gli altri plessi comunali. Verghera di serie B??

Anche la costruzione della nuova scuola elementare di Samarate sparisce; la scuola non verrà più realizzata e viene prevista solo la manutenzione straordinaria dell’edificio esistente  nel 2007 (voce n°13 del Prog.triennale). Eppure nel programma Solanti e Torricelli affermavano che “soprattutto nelle elementari di Samarate la situazione strutturale è tale da non consentire la piena realizzazione del progetto didattico educativo”. Ricordiamo che mantenere l’elementare di Samarate nell’edificio odierno, significa decidere di avere una scuola senza spazi verdi esterni, senza strutture sportive esterne e interne (oggi manca la palestra), senza idonei ed adeguati spazi mensa. Solanti e la suo giunta decidono di avere scuole di serie A, dotate di tutto (vedi San Macario) e scuole di serie B ( vedi elementari di Samarate e Verghera).

Dall’inizio del mandato l’Amministrazione ha previsto ben quattro interventi di sistemazione degli spazi esterni: ci pare sia un’operazione di facciata per far sembrare tutto più bello (fuori), mentre è più importante intervenire sugli spazi che realmente usano gli studenti ( cioè  quelli interni)

Per le Medie di Samarate non si riesce a capire che fine a fatto la nuova aula magna. Attendiamo sfiduciati di avere risposte.

Nel piano triennale non troviamo traccia dell ‘ ”ampliamento dell’ asilo nido mediante il recupero degli spazi ora destinati alla scuola materna, che dovrà essere spostata in altro edificio” come non c’è traccia della “nuova sistemazione per la scuola materna per consentire l’istituzione della quarta sezione”.

Ci pare ci sia abbastanza per affermare che quelle di Solanti fossero solo promesse elettorali ormai dimenticate nel nulla. Le sue proposte sulla scuola pubblica erano mirate solo a demonizzare le scelte della precedente amministrazione salvo poi non avere un’idee alternative o averne altre irrealizzabili: se ne è reso conto anche il Sindaco e ora ne prendiamo atto con queste nuove proposte. Proposte, però, che si contraddicono una con l’altra , che lasciano irrisolti i problemi delle scuole samaratesi e soprattutto che creeranno scuole di serie A e scuole di serie B.

Continuiamo poi a non capire cosa serva avere un’ assessore come Torricelli, vero e proprio assessore alla D-ISTRUZIONE: era almeno da tre lustri, quindici anni che nel nostro comune i servizi scolastici venivano incrementati, ampliati; con il suo avvento si procede in senso opposto, ormai è chiaro ed è tutto nero su bianco.

Mense scolastiche e dell’asilo nido fuori dal controllo diretto del comune, buoni pasto con aumenti enormi (quasi mille delle vecchie lire), servizi troncati e cancellati come il trasporto scolastico in tutte le sue forme. Infine sui fondi per il piano Diritto allo studio l’assessore dopo essersi “dimenticato” 16.000 nel 2005 (rimessi al loro posto solo dopo le proteste della Lega Nord) scrive di suo pugno nella relazione degli obiettivi per il 2006 “ Valutazione del ridimensionamento del diritto allo studio”. Già che c’era poteva scrivere direttamente D-ISTRUZIONE, D-ISTRUZIONE, D-ISTRUZIONE della scuola pubblica samaratese !!

NOTA: le parole in “corsivo” sono riportate testualmente dal Programma Elettorale, dalle Linee Programmatiche  o dai documenti relativi al bilancio depositati agli atti del comune di Samarate

Valentino Celotto           

Capogruppo Consiliare                                                        

Leonardo Tarantino

Consigliere comunale

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.