Sotto il segno del Carnevale

Tutti gli appuntamenti del fine settimana in provincia

In primo piano
“Viva i coriandoli di Carnevale, bombe di carta che non fan male! Van per le strade in gaia compagnia i guerrieri dell’allegria …….”.  Sta tutto nell’incipit di una tra le più famose filastrocche di Gianni Rodari, il filo conduttore degli eventi del fine settimana in arrivo. Armatevi allora di maschere, coriandoli e stelle filanti e buttatevi in una qualsiasi delle sfilate che, tra chiacchiere e tortelli, Arlecchini e Pin Girometta, da questo weekend trasformeranno la provincia in un vero e proprio teatro all’aperto.
Si comincia a Busto dove l’apertura ufficiale delle manifestazioni è prevista per domenica alle 10.30 al Museo Tessile. Nel pomeriggio, alle 14.00, prenderà il via, da piazza Leone XIII, il tradizionale corteo dei carri allegorici che attraverserà tutto il centro storico. Il Carnevale di Gallarate apre i festeggiamenti fin da sabato con l’inaugurazione, alle 18.00, presso la sede della Pro Loco in via del Gambero, della mostra "Le grandi maschere italiane" di Laura Verga, una carrellata tra le maschere più illustri del Carnevale italiano rappresentate in riproduzioni a grandezza naturale. Domenica pomeriggio feste a misura di bambino con l’iniziativa "Coriandoli!" negli oratori cittadini. Grandi anche i festeggiamenti in Valceresio e Valganna: tra Clivio, Induno, Porto Ceresio e Ponte Tresa c’è solo l’imbarazzo della scelta. Varese, da sabato alle 15.00, sarà ufficialmente in mano al Re Bosino. Alle 15.30 un corteo, accompagnato dalla banda, partirà dalla sede del Comune per giungere in piazza Podestà dove la compagnia teatrale “La Cicala e la Formica” intratterrà i bambini con una storia tutta da ridere. Altre sfilate sono organizzate a Bodio, Castiglione Olona, Cassano Magnago, Gavirate, Germignaga, Malnate, Vedano Olona, Venegono Inferiore: non mancheranno chiacchiere, musica e cioccolata calda! Da ultimo, se volete uscire dai confini della Provincia, ma ne vale veramente la pena, c’è sempre lo scenografico carnevale di Bellinzona: qui i dove i festeggiamenti durano tutta la notte!

Eventi culturali
“Tito Livio varesino” è l’appellativo che fu conferito allo storico della nostra provincia Luigi Borri per la sua opera di ricerca, che ha permesso di riscoprire e riordinare molti documenti relativi alla nostra città. Parlerà di lui lo storico Luigi Zanzi, docente di Metodologia alla facoltà di Lettere e Filosofia all’Università di Pavia, durante il terzo incontro di “Varese per Varese. Personaggi, testimonianze e concerti” previsto per sabato alle 11.00. La musica che seguirà sarà quella di Dmitrij Sostakovic, quintetto con pianoforte in sol minore op.57, interpretato dal quintetto “Schiele”, nato in seno all’Accademia del Teatro alla Scala.
Sempre sabato, ma alle 17.00, a Palazzo Verbania di Luino si inaugura la mostra personale dell’artista neo-futurista Mariano Salerno dal titolo “Forma e colore”. In occasione dell’inaugurazione, il critico varesino Bruno Belli presenterà una monografia dell’artista.
Alle 19.00 ci si sposta nel Cortile di Casa Perabò a Varese dove ha sede la libreria Abrigliasciolta. Qui verrà ricordata la figura di Clara Pirani Cardosi. Insegnante ebrea, fu denunciata dai fascisti e deportata ad Auschwitz dove morì. Sabato sarà presentato “La Giustizia Negata", libro scritto dalle tre figlie, testimoni del destino tragico e beffardo della madre.

Teatro
Direttamente da Zelig Circus, sabato arriva al Teatro di Varese Flavio Oreglio, con il suo fortunato spettacolo di cabaret "Siamo una massa di ignoranti: parliamone”. Lo spettacolo è un ragionamento sull’ignoranza di oggi: dall’interpretazione del linguaggio all’uso di frasi vuote fino all’informazione sbagliata.Tra monologhi e canzoni, più o meno comiche ma sempre tremendamente vere, Oreglio accompagna lo spettatore in un presente pieno di contraddizioni in cui tutti si riconosceranno.
Poesia, danza e musica dal vivo per un appuntamento di grande fascino. E’ quanto propone sabato il Teatro Giuditta Pasta di Saronno con "Danzare la poesia". La poesia sarà prima quella ritmata di Pessoa, per proseguire poi con quella sensuale di Garcia Lorca. Le musiche saranno quelle dei grandi autori della tradizione musicale ispanica, mentre la danza sarà affidata a ballerini professionisti. Le corna fanno spettacolo domenica pomeriggio all’auditorium Verdi di Gerenzano. Alle 15.30 andrà in scena la commedia brillante di Georges Feydeau  "Sarto per signora", a cura del Gruppo Amici del teatro di Venegono Inferiore. Attraverso una storia attraversata da scambi d’identità, tresche, sotterfugi ed equivoci a non finire, gli spettatori potranno rivivere l’atmosfera frizzante e la voglia di divertirsi della Parigi di fine ‘800.
Infine, appuntamento da non perdere per gli amanti dell’improvvisazione teatrale. Sabato alle 21.15 al Teatro Agorà di Carnago match di apertura del Campionato lacustre di improvvisazione teatrale. La sfida è Varese contro Modena. In scena per Varese i Plateali.

Musica
Tre gli appuntamenti con la musica questo fine settimana. Domenica pomeriggio (ore 16.00) al Teatro Apollonio di Varese sbarca "Cin Ci Là”, operetta che da quel lontano 1925 in cui fu eseguita per la prima volta non manca mai di affascinare e divertire il pubblico.
Alle 21.00 ci si sposta al Liceo Musicale di Varese (P.zza della Motta), con il quartetto di pianoforte de “La Camerata dei Laghi” Musiche di C.Saint-Saens e J.Brahms. Domenica si apre la sesta edizione musicale e culturale della Badia di Ganna.
Per il primo appuntamento si esibiranno Gianluigi Trovesi al clarinetto e Gianni Coscia alla fisarmonica in “Round About Kurt Weill”. A seguire si terrà una conferenza con Claudio Ricordi, di Radio popolare e Radio Svizzera Italiana per trattare il tema “Radio che non c’è”. Alla fine aperitivo per tutti i presenti. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Sport
Non sopportate l’allegria forzata del Carnevale? Avete programmato di restare barricati in casa finché carri e mascherine non saranno a debita distanza dalla vostra via? Non preoccupatevi: l’alternativa c’è ed è a portata di mano. Tutto il silenzio e il relax che cercate vi aspettano infatti tra le nevi del Ticino. Per maggiori informazioni visitate lo speciale neve.

Naturalmente, in Provincia c’è molto di più: date un’occhiata per questo alla nostra agenda degli appuntamenti. Se invece la vostra intenzione è semplicemente quella di vedervi un buon film, consultate la nostra pagina delle sale in Provincia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.