Spaccio al call center: arrestato

In manette un 31enne marocchino, gestore di un centro di telefonia di viale Belforte

Un 31enne di nazionalità marocchina, Noureddine Eddahbi, è stato arrestato venerdì degli uomini della Squadra Mobile di Varese con l’accusa di spaccio di hashish. L’uomo, provvisto di regolare permesso di soggiorno, gestiva un call center in viale Belforte di proprietà del fratello ma affiancava a questa attività lecita quella di "pusher".

Gli agenti lo hanno individuato dopo essere venuti a conoscenza di un giro di spaccio in quella zona. Eddahbi veniva raggiunto dai "clienti" per l’ordinazione; lui si allontanava per qualche minuto e si recava in via Marmolada dove, all’interno di una vecchia Renault Clio parcheggiata, custodiva una riserva di "fumo". Dopo aver preparato la merce tornava quindi al call center per completare la transazione.

Il rituale si è ripetuto ieri, ma nell’occasione erano presenti anche gli agenti di Polizia che lo hanno colto sul fatto, recuperando anche circa due chilogrammi di hashish (nella foto) avvolto in carte di giornali marocchini. Lo spacciatore si trova attualmente rinchiuso nel carcere varesino dei Miogni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.