Stefano Tosi a Roma per rappresentare la Lombardia

Con Paolo Valentini Puccitelli il consigliere regionale dei Ds nella capitale per presentare la richiesta di referendum costituzionale

Oggi, per la prima volta nella storia della Repubblica, le Regioni italiane hanno presentato la richiesta di referendum costituzionale. Un fatto importante al quale ha preso parte anche Stefano Tosi, con il collega di maggioranza Paolo Valentini Puccitelli, indicati dal Consiglio regionale lombardo a rappresentare la Regione Lombardia.

«Riteniamo un bene che la Regione Lombardia concorra a promuovere il referendum costituzionale – spiega Tosi -, perché quando i giudizi divergono è giusto far decidere il popolo sovrano. Siamo convinti che quello approvato sia un federalismo fantoccio, padre di uno statalismo di ritorno. Prova ne è che mentre il centrodestra parla strumentalmente di federalismo, non c’è traccia del federalismo fiscale, anzi, sono state ridotte le risorse per gli enti locali e per i servizi ai cittadini. Con questa legge si produce un rapporto potenzialmente conflittuale tra Camera, Senato e Regioni. Non si genera un moderno equilibrio dei poteri, ma uno squilibrio tra essi, mentre Governo e maggioranza parlamentare agiscono sul reciproco ricatto e in Corte Costituzionale si rafforza il peso dei partiti. Per questi motivi sosterremo con forza la campagna referendaria, per cancellare con il voto popolare una riforma costituzionale sbagliata e dannosa per il Paese».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.