Studenti universitari, potenziali manager

Si è concluso il Business Game lanciato dalla Je della Liuc. Dieci gli atenei che hanno partecipato

Dieci anni di attività. Dieci anni di successi. Per la Jel ( la Junior Enterprise della Liuc) si è concluso con successo il gioco partito lo scorso ottobre e che ha visto la partecipazione di squadre provenienti da tutt’Italia. Tutte università partecipanti hanno all’interno una “Je”.

L’idea era quella di avviare un “Business Game sul caso Novartis”. L’organizzazione è stata affidata alla JEL in collaborazione con l’Univa e l’Università Liuc.

Sabato scorso, 4 febbraio, si è svolto presso l’università Carlo Cattaneo LIUC di Castellanza la giornata di chiusura e premiazione del Business Case Competition ’05.

All’evento sono stati invitati i migliori dieci gruppi provenienti dalle dieci università italiane partecipanti al concorso.

 

Alle premiazioni erano presenti: Paola Margnini (resp. Ufficio Studi Unione degli industriali della Provincia di Varese) Giuseppe Gugliotta (licensing e development manager Novartis Farma S.p.a.) Riccardo Carbucicchio (manager marketing prodotti cardiovascolari) Gianfranco Rebora (Rettore LIUC) Stefano Benini (Presidente della confederazione delle Junior Enterprise – JADE ITALIA)

 

Sono stati premiati i seguenti gruppi:

            TIGRI BIANCHE dell’università di Parma come MIGLIOR PROGETTO

            THE MARKETIERS dell’univeristà di Pisa come MIGLIOR COMUNICAZIONE

            LIUC CONSULTING del’università LIUC come IDEA PIU’ ORIGINALE

 

«Questo progetto – ha spiegato Giuseppe Gugliotta manager di Novartis Farma licensing ci ha permesso di offrire, oltre alla nostra esperienza maturata in oltre dieci anni di lavoro in Novartis, gli strumenti necessari per comprendere le logiche aziendali e per poter realizzare un lavoro come sarà richiesto ai ragazzi fra un anno o due quando entreranno nel mondo lavorativo. Pur non conoscendo pienamente le dinamiche aziendali i ragazzi hanno dimostrato grande fantasia, creatività ed eccellente qualità. Hanno inoltre posto grande attenzione all’aspetto comunicativo, aspetto molto difficile da sviluppare e apprendere unicamente in aula».

 

«L’obiettivo di JEL – ha ricordato Maria Teresa Carabelli  ex Presidente JEL ed Ideatrice Business Case Competition – è da sempre quello di colmare il gap tra l’apprendimento accademico e il mondo del lavoro, la realizzazione del BCC ha concretamente permesso il raggiungimento di questo scopo. Ai ragazzi dell’associazione ha permesso di sviluppare capacità organizzative  e professionali che sono richieste da un evento di questa portata.

I ragazzi che hanno partecipato al BCC hanno avuto l’opportunità di vivere in prima persona problematiche aziendali reali e grazie alla preziosa collaborazione di Novartis di comprendere i punti di forza e di debolezza del loro “pensare aziendalistico”».

 

«Il Business Case Competition ’05 – Il Caso Novartis – ha commentato Marco Lettica Presidente Junior Enterprise LIUC  è un concorso che si inserisce in una serie di tre eventi organizzati da JEL in occasione del suo decennale.

Nato da un’idea sviluppata dalla Junior Enterprise LIUC, in collaborazione con l’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, questa Business Competition ha dato la possibilità a molti studenti di conoscere sul campo diverse problematiche aziendali e potere applicare le conoscenze acquisite durante il loro percorso di studi. Pur provenendo da una realtà di piccole dimensioni, la Junior Enterprise LIUC, è riuscita ad estendere la propria competizione sul piano nazionale; coinvolgendo tutte le Università nelle quali gli studenti hanno dato prova di grande spirito di imprenditorialità fondando al loro interno una Junior Enterprise.

Inoltre, grazie anche alla collaborazione con la nostra Università e l’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, siamo riusciti a coinvolgere aziende di grande rilevanza sul piano nazionale e internazionale, Novartis e Il Sole 24 Ore, che con la loro disponibilità sono stati attori fondamentali per la buona riuscita di tutto l’evento».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.