Traguardo Mondiali: si inizia a pedalare alla Bit

Gastronomia e ciclismo saranno al centro del padiglione varesino allestito da Camera di Commercio e Provincia

Il turismo, a Varese, inizierà a pedalare. Lo farà con tanto impegno e con un grande evento internazionale, i Mondiali di ciclismo del 2008. E si inizia a parlarne in grande alla Bit, la Borsa Internazionale del Turismo. Tra i tanti stand di stampo varesino il principale sarà quello allestito da Camera di Commercio e Provincia, il B 14/B del padiglione 19, che sarà inaugurato sabato 18 febbraio alle 11.30.

E qual è il modo migliore per iniziare se non con ospiti illustri dello sport? Infatti i protagonisti dell’inaugurazione saranno i ciclisti Daniele Nardello, Gianni Bugno, Claudio Chiappucci e Noeme Cantele, l’arcisatese tra le più forti al mondo nel settore femminile. Gli sportivi parleranno della loro passione con il pubblico presente, in un incontro moderato dal giornalista varesino Francesco Pierantozzi, commentatore di Sky Sport. Oltre ai re della bicicletta ci saranno anche Delio Riganti, rappresentante del Turismo nella Giunta della Camera di Commercio, Giangiacomo Longoni, assessore provinciale al Marketing Territoriale, e i rappresentanti di "Varese 2008", la società che sta organizzando i mondiali.

Forse anche loro useranno le biciclette messe a disposizione dallo stand, per un’idea decisamente simpatica. Tutti i visitatori, infatti, potranno riscaldarsi con due bicilclette da corsa ed una mountain bike, in premio avranno un gadget. E poi i ragazzi dell’Agenzia Formativa della Provincia realizzeranno la decorazione del "Biscotto dei Mondiali del Ciclismo", un dolce che riprodurrà il logo della rassegna iridata.

Insomma, c’è proprio tutto quello che serve per innescare una passione naturale per il cuore degli italiani, quella per il ciclismo, declinandola nel fattore turismo. Oltre all’evento, infatti, saranno promossi veri e propri pacchetti turistici incentrati sul ciclismo. Ci saranno, per esempio, itinerari ci cicloturismo e percorsi di trekking, in modo da abbinare l’amore per lo sport con quello per l’arte.

Ma non finisce qui, ovviamente, perchè Varese è molto più che ciclismo. Grande rilievo, infatti, sarà dato anche al settore alimentare, dando la possibilità di assaggiare nell’arco delle giornate della Bit 2006 tutte le specialità tipiche del nostro territorio. Brutti e Buoni, Amaretti di Saronno e Dolce Varese sono solo alcuni dei prodotti da assaporare. Si potranno anche degustare i vini dei Ronchi varesini, recentemente insigniti della denominazione IGT (Indicazione Geografica Tipica), i liquori, come il Borducan e le Grappe Rossi d’Angera, e inoltre un cocktail a base di miele e pesche di Monate, la cui realizzazione chiuderà la partecipazione alla fiera.

E per la gioia dei più piccoli saranno ricostruite, anche quest’anno, delle fattorie didattiche, uno degli eventi che hanno attirato maggiormente le scuole alla scorsa edizione della fiera.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.