Un convegno per ricordare don Isidoro

A quindici anni dal suo assassinio, la città ricorda il sacerdote noto per l'impegno a favore dei più deboli e bisognosi d'aiuto

La città non dimentica don Isidoro Meschi: in occasione del quindicesimo anniversario della sua scomparsa, l’Associazione “Amici di Don Isidoro”, costituita di recente da un gruppo di persone che lo hanno conosciuto e ne custodiscono la memoria, ha organizzato un convegno incentrato sulla sua complessa e ricca personalità.
Il convegno, che ha ottenuto  il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, è in programma per la mattinata di sabato 18 febbraio, a partire dalle ore 9.00, presso la Sala Tramogge dei Molini Marzoli-Massari e sarà articolato in vari momenti in cui si parlerà di don Isidoro prete, educatore, terapeuta, giornalista.
I relatori saranno persone che hanno camminato al suo fianco, quali sacerdoti, compagni di seminario, docenti e colleghi del Liceo Classico, uno psichiatra e un giornalista.

Isidoro Meschi, nativo di Merate (Lc), era un uomo di intensa bontà, ricordato con rimpianto da quanti hanno avuto occasione di conoscerlo. Sacerdote, impegnato nell’aiuto ai giovani in difficoltà, ai deboli di mente, ai tossicodipendenti, fu ucciso nel 1991 da un ragazzo con problemi mentali, che morì poco dopo in carcere: un delitto che all’epoca scosse la città, privandola di una delle sue figure più note ed apprezzate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.