Whirlpool, fatturato in aumento

Il dato è riferito all'intero gruppo. Calano invece del 5 per cento le vendite del comparto europeo della multinazionale del bianco

Whirlpool Corporation ha annunciato oggi per il quarto trimestre 2005 utili netti record pari a 126 milioni di dollari rispetto al dato di 97 milioni di dollari registrato nello stesso periodo dello scorso anno.
Nel quarto trimestre, le vendite nette hanno registrato un aumento del 9 percento rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente, attestandosi a 4 miliardi di dollari. 
«Nel complesso, il 2005 è stato caratterizzato da un difficile contesto operativo in cui abbiamo dovuto far fronte a livelli record dei costi delle materie prime e correlati al petrolio. La nostra azienda globale ha risposto bene a questa situazione e ci ha consentito di chiudere l’anno con risultati record per i nostri azionisti» ha commentato Jeff M. Fettig, presidente e amministratore delegato Whirlpool. «I risultati sono stati corroborati da una domanda al consumo molto positiva per i nostri prodotti innovativi, dalla forte performance delle vendite, da un rigoroso controllo dei costi e dalla prova complessivamente eccezionale del nostro personale in tutto il mondo.»
Nel quarto trimestre, il fatturato di Whirlpool Europe, pari a  849 milioni di dollari, ha registrato una flessione del 5 percento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In valuta locale, le vendite sono aumentate del 2 percento circa. Il fatturato annuo ha raggiunto la cifra record di 3,2 miliardi di dollari.
Nel trimestre, le consegne anno su anno sono state superiori alla domanda di settore, principalmente grazie alla solida performance del marchio Whirlpool e alla crescita costante nel segmento degli elettrodomestici da incasso. Secondo le stime, nel quarto trimestre il volume globale del settore dovrebbe essere rimasto stazionario o aver subito una flessione dell’1 percento. Per il 2005, si stima una flessione del volume del settore nell’ordine dell’1-2 percento.
Nel trimestre, l’utile operativo si è attestato a 46 milioni di dollari, con una flessione del 12 percento. Escludendo l’impatto valutario, l’utile operativo è diminuito del 2 percento circa rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente.   I risultati sono stati sostenuti dai maggiori volumi, da miglioramenti della produttività e da una plusvalenza di 12 milioni di dollari sulla vendita di un’attività, e penalizzati dall’aumento degli incentivi retributivi e dalla valuta sfavorevole.
Sulla base delle attuali condizioni economiche, la società prevede che le consegne di settore 2006 registrino un aumento nell’ordine dell’1-2 percento.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.