8 milioni da investire nel territorio

Presentato anche il primo Bilancio Sociale del Consorzio: trasparenza e sviluppo sostenibile

Oltre 8 milioni di euro da investire nel corso del 2006 sul territorio per la salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente, per la realizzazione di progetti scientifici e per la manutenzione e riqualificazione di strutture per la comunità. Il Bilancio di Previsione 2006 ed il Bilancio Pluriennale 2006 – 2008 del Parco del Ticino sono stati approvati oggi all’unanimità dai sindaci dei 47 Comuni consorziati e dai rappresentanti delle Province di Varese, Milano e Pavia riuniti in Assemblea Consortile.

Il Bilancio di oltre 17 milioni di euro mostra come il Parco del Ticino sia in grado di produrre non solo qualità ambientale ma anche benefici reali per la comunità.

Grazie alla capacità progettuale del Parco, a fronte di un’entrata derivante dagli Enti Pubblici pari a circa 4 milioni di Euro, il Bilancio 2006 prevede circa 8 milioni di Euro di investimenti sul territorio.

 

Tra le voci di investimento si evidenziano oltre 3 milioni di euro per la tutela e la reintroduzione della fauna, oltre1 milione e 200 mila euro per il risanamento del Torrente Arno, 750 mila  euro (+IVA) per la compensazione della variante Tav di Bernate Ticino(MI), 550 mila euro per la creazione di un percorso naturalistico ed ambientale che collega il Parco del Ticino al Parco Altomilanese, oltre 250 mila euro per lo sviluppo turistico, 200 mila euro per la sistemazione e messa a regime dei Centri Parco ed infine 130 mila euro per la riqualificazione del Sito di Interesse Comunitario Lago di Comabbio.

 

Nella relazione previsionale e programmatica del Bilancio 2006 sono di particolare importanza i progetti relativi allo sviluppo turistico del Parco del Ticino. Tra questi il Sistema Turistico “Po di Lombardia” che ha ottenuto dalla Regione Lombardia il finanziamento di due dei progetti presentati dal Parco del Ticino, le Vie Verdi del Ticino – zona Sud e la ristrutturazione del Casotto del Dosso della Torre a Zerbolò (PV), per un totale di oltre 250 mila euro iscritti nel Bilancio 2006.

Nel corso del 2006 verrà inoltre completa la ristrutturazione del nuovo Centro Parco a Oriano di Sesto Calende (VA). La struttura, che verrà inaugurata nel corso del 2006, ospiterà il centro nazionale di reintroduzione della cicogna nera. Nel maggio 2005 è stato inoltre siglato il protocollo d’intesa tra Parco del Ticino e Comune di Gallarate per realizzare un nuovo Centro Parco presso la “Cascina Monte Diviso”.

Per la sistemazione e la messa a regime dei Centri Parco si prevede un investimento di 200 mila euro.

 

Per una migliore fruibilità della rete sentieristica, 550 mila euro verranno investiti nel progetto europeo DOCUP per la realizzazione di un corridoio ecologico di collegamento tra il Parco del Ticino ed il Parco dell’Altomilanese.

Per la reintroduzione e tutela della fauna, il Parco del Ticino ha predisposto un progetto Life “Interventi strategici di conservazione di ambienti acquatici di pianura nel Bacino del Po” per azioni dirette su specie ittiche, rettili ed anfibi e di rinaturalizzazione di ambiti territoriali. Per il progetto è stato chiesto alla Comunità Europea e alla Regione Lombardia un finanziamento pari a oltre 2 milioni 800  mila euro.  Oltre 300 mila euro sono invece previsti per la realizzazione a Porto Torre di passaggi di risalita della fauna ittica.

 

Tra gli interventi fondamentali per il territorio, oltre 1milione e 200 mila euro per progettare e fare eseguire i lavori necessari per rimuovere il materiale depositato nelle due vasche di sedimentazione realizzate per risanare le aree interessate dallo spagliamento del Torrente Arno. Le opere interesseranno i comuni di Nosate (Mi) e Lonate Pozzolo (Va).

 

Un investimento pari a 130 mila euro è invece finalizzato alla realizzazione di LAGORA’ IL LAGO IN PIAZZA – centralità di un piccolo lago prealpino nella rete ecologica naturale”, un progetto di la riqualificazione e la rivalutazione del SIC Lago di Comabbio come nodo strategico che connette una vasta rete ecologica naturale.

 

Durante l’Assemblea Consortile è stato presentato e consegnato ai Sindaci dei 47 Comuni e ai rappresentanti delle tre Province il volume contenente il primo Bilancio Sociale del Consorzio, relativo all’esercizio 2004 e redatto nel 2005.

Il Bilancio Sociale è il documento di rendiconto che accompagna e spiega i contenuti del bilancio economico e finanziario dell’Ente, mettendo in luce non solo il valore economico delle attività svolte, ma anche quello sociale, ambientale ed etico-politico.

Il Presidente del Parco del Ticino commenta così l’importanza e l’innovazione dell’azione intrapresa dal Consorzio per favorire lo sviluppo di un impegno sostenibile: “ Il Parco del Ticino ha deciso di approfondire il significato e il ruolo che un’area protetta come la nostra ha rappresentato e potrà rappresentare per il suo territorio e la sua comunità. Ecco perché abbiamo deciso di predisporre il nostro primo Bilancio Sociale, quale strumento di comunicazione volto a migliorare le informazioni e le relazioni sociali. La finalità è quella di dimostrare che le nostre azioni hanno ricadute in termini di utilità, legittimazione ed efficienza”.

“Con questa prima pubblicazione – prosegue il Presidente – abbiamo voluto spiegare come investiamo le risorse economiche che ci vengono affidate. Perché vogliamo che tutti – istituzioni, cittadini, realtà economiche e produttive – possano comprendere il valore ambientale, culturale, economico e sociale rappresentato dal nostro Parco”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.