Alitalia assume 50 operatori del territorio varesino

"È la prima volta che accade, una vittoria del territorio", ha detto Reguzzoni. "Risultato ottenuto grazie alle lotte del sindacato", ribatte Balotta

Alitalia assume 50 tecnici specializzati. La notizia non è di per sè eccezionale, senonchè i lavoratori sono della provincia di Varese. La decisione della ex compagnia di bandiera è presa per rendere operativo al Terminal uno l’hangar per la manutenzione dei velivoli. In questi giorni sono state perfezionati i primi contratti per i programmatori. Resta ora da istruire l’intero personale tecnico-operativo che dovrà ottenere anche la certificazione dell’Ente nazionale per l’aviazione civile.

Soddisfatti sia la Provincia di Varese che i sindacati. «E’ la prima volta che accade, si tratta di personale qualificato. E’ una vittoria del territorio: stiamo parlando di assunzioni che interessano il nostro territorio. L’hangar operativo significa insomma nuove opportunità di occupazione qualificata ben diversa dal carico-scarico bagagli. Se ha un senso soffrire tutte le ovvie conseguenze che ha una struttura come Malpensa, questi sono i primi tangibili e concreti benefici. Manca ancora molto sulla strada del corretto posizionamento di Alitalia su Malpensa, ma la strada è quella giusta», ha detto Marco Reguzzoni, presidente di Villa Recalcati. La ricerca di una quarantina di addetti specializzati è ancora in corso. Le prime assunzioni come si diceva, riguardano i tecnici e un ingegnere che costituiranno il primo nucleo della futura squadra di assistenza. Per formare personale di livello impiegatizio e gli addetti alla manutenzione vera e propria, una parte del personale oggi di base all’aeroporto romano di Fiumicino è stato temporaneamente dislocato a Malpensa a disposizione dei nuovi assunti. Per quanto riguarda gli operai specializzati, Chi sarà prescelto dovrà seguire un corso teorico-pratico di dodici mesi (saranno alla fine circa 700 ore di formazione) ed ottenere poi la certificazione Enac. Complessivamente fra programmatori e operai specializzati, Alitalia avrà selezionato una cinquantina di profili professionali.

 

«È una vittoria del sindacato – commenta Dario Balotta, segretario regionale della Fit Cisl -. Abbiamo protestato più volte in passato chiedendo che le assunzioni di Alitalia venissero realizzate in loco. Ci siamo anche scontrati con i sindacati romani per affermare questo principio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.