Alpino Strambi, addio

È scomparso Lodovico Strambi, 97 anni, memoria storica delle Penne Nere gemoniesi

Fino a non molto tempo fa era ancora possibile incontrarlo per le vie del suo rione, i "Martitt". Incurante delle automobili, dei due bastoni sui quali si sorreggeva e dei dossi stradali che lo costringevano ogni volta a uno sforzo in più, Lodovico Strambi non perdeva occasione di godersi un po’ di tepore nella passeggiata quotidiana. Poche centinaia di metri, un’inezia per chi ha combattuto in montagna, tanto per un uomo di 97 primavere che per molti anni ha rappresentato una vera memoria storica per Gemonio.

Lodovico, classe di ferro 1909, era entrato negli alpini nel 1928. Da allora la penna nera era diventata una delle costanti della sua vita, insieme alla moglie Antonietta scomparsa alcuni anni fa. Al fronte fino al 1942, anno del suo congedo, l’alpino Strambi era stato nel frattempo parte del drappello di giovani che, di ritorno dal servizio di leva, fondarono il Gruppo Ana "Gemonio-Azzio-Orino". Era il 1935; da allora i militari in congedo rappresentano una delle realtà più amate e più attive nei tre comuni (dopo alcuni anni Gemonio divenne un gruppo a sé stante): proprio nel 2005 è stato festeggiato il 75° anniversario. Lodovico Strambi era l’ultimo socio fondatore ancora in vita: con il suo funerale, lunedì alle ore 15, se ne andrà un alto pezzo di paese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.