«Aree dismesse, il sindaco ha ripreso le redini del Comune»

Commento favorevole della Lega Nord dopo il passaggio in consiglio comunale del progetto per l’area ex Cemsa

«Molti dubbi rimangono, ma abbiamo congelato il nostro giudizio a quando verrà presentato il piano Thun per l’area Pirelli. Solo a quel punto potremo valutare se le promesse di Sindaco e Assessore Riva del 2002 siano state mantenute o meno» così si esprime Angelo Veronesi, segretario del Carroccio saronnese sull’area ex Cemsa, la grande area dismessa della il cui processo di riqualificazione sta proseguendo da diversi anni. Ieri sera in consiglio comunale la discussione sul progetto nell’area interessata.

«Negli scorsi giorni abbiamo avanzato forti perplessità sul  progetto di realizzazione di un Parco Pubblico attrezzato che corrispondesse realmente al 51% dell’area dismessa totale, così come ci era stato promesso nel 2002 – proseguono dal Carroccio saronnese -. Altro problema da affrontare è la tempistica della realizzazione del Parco. La Lega aveva chiesto e ottenuto in Consiglio Comunale da Sindaco e Assessore Riva che il Parco venisse realizzato entro pochi anni dalla stipula del contratto (avevamo proposto entro due o tre anni, ma sono diventati quattro a causa della burocrazia), in modo che nessuno potesse fare il furbo costruendo solo gli edifici e accollando invece alla nostra comunità locale i costi di realizzazione delle attrezzature pubbliche. Durante il Consiglio Comunale del 28 marzo però ci sono state date delle rassicurazioni importanti. L’Assessore Riva ci ha dato la sua parola di gentiluomo che l’area totale del Parco sarà del 51% come promesso e che vigilerà attentamente sui furbi».

«Il Sindaco inoltre ha dimostrato finalmente di poter riprendere in mano le redini del Comune, cancellando la modifica dello Statuto e di fatto ponendosi contro i costruttori. Siamo più tranquilli e vigileremo attentamente affinché le promesse vengano rispettate realmente. Abbiamo quindi congelato il nostro giudizio, astenendoci, fino alla presentazione dell’area dismessa  Pirelli. A quel punto potremo valutare se le promesse sono state mantenute o ci si è calati ancora una volta le braghe di fronte agli interessi del mattone. La sinistra in Consiglio Comunale ha fatto una pessima figura. Hanno proposto di ricominciare daccapo tutta la progettazione dell’area dismessa, ma facendo in questo modo avrebbero impedito la realizzazione del Parco Pubblico attrezzato sul 51% dell’area. Il Piano Direttore di Intervento sull’area dismessa era già stato discusso e approvato nel 2002. Le proposte per questa importante area sarebbero dovute arrivare allora, ed invece hanno lasciato la Lega sola a difendere gli interessi dei cittadini e a vigilare sulla realizzazione del Parco. E’ più facile protestare sconclusionatamente piuttosto che proporre qualcosa di concreto per la nostra comunità locale. E ‘ evidente che la sinistra ha altri interessi poco locali e molto ideologici: forse avrebbe preferito un parco ad uso e consumo di spacciatori e clandestini. Noi invece vogliamo un Parco Pubblico per le famiglie».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.