Baff a Gallarate, un festival nel festival

La Fondazione Culturale “1860 Gallarate Città” onlus e il Teatro del Popolo protagonisti della manifestazione di livello internazionale da domenica 26 a giovedì 31 marzo

Claudia Cardinale madrina d’eccezione al Teatro del Popolo per la “prima volta” del B.A. Film Festival a Gallarate.

Attraverso la neonata collaborazione tra gli organizzatori del prestigioso festival cinematografico e la Fondazione Culturale “1860 Gallarate Città” onlus (con il patrocinio del Comune di Gallarate), Gallarate sarà quest’anno per una settimana, dal 26 al 31 marzo, meta per attori di fama internazionale, premi Oscar, registi e autori la cui fama travalica i confini nazionali.

Ed ecco allora che, accanto a Claudia Cardinale, attesa martedì 28 marzo, in occasione dell’omaggio a Luchino Visconti, sono attesi Carlo Rambaldi (vincitore di tre premi Oscar per gli effetti speciali con “King Kong”, “Alien” e l’indimenticabile “E.T.”), Luis Bacalov (premio Oscar per la musica di “Il postino”), Gabriella Cristiani (montatrice cinematografica premio Oscar per “L’ultimo imperatore” di Bernardo Bertolucci), Osvaldo Desideri (premio Oscar per la scenografia di “L’ultimo imperatore” di Bertolucci), Elisabetta Sgarbi e Corinne Maier insieme per presentare “Due contro una”, il film della Sgarbi tratto dal bestseller della Maier “Buongiorno Pigrizia”.

«E ci auguriamo, anche se è veramente solo una speranza – azzarda il presidente della Fondazione Culturale gallaratese Mario Lainati – che possa essere presente un altro grande del cinema italiano, Michelangelo Antonioni, al quale la sera di venerdì 31 marzo viene dedicato, all’interno del BAFilmFestival, un omaggio».

Due, infatti, i “mostri sacri” del cinema italiano che saranno omaggiati all’interno della manifestazione: Luchino Visconti e Michelangelo Antonioni. Il primo sarà ricordato con la mostra “Le stanze di Luchino Visconti” che si inaugura domenica 26 marzo alle 11 al Teatro del Popolo, dove resterà visitabile fino al 9 aprile (tutti i giorni dalle 16.00 alle 20.00), e con la proiezione del film “Vaghe stelle dell’orsa” (1965, su gentile concessione del Centro Sperimentale di Cinematografia), alle 21 di martedì 28 marzo, cui sarà presente Claudia Cardinale, che nel lungometraggio che ricorda la tragedia di Edipo, impersonava Sandra, tornata con il marito, dopo anni di assenza, alla città natale per la donazione di un giardino alla memoria del padre, scienziato ebreo deportato dai nazisti e morto in campo di concentramento.

La mostra, invece, è la testimonianza del profondo legame che unì il regista a Villa Erba, sul lago di Como, luogo della sua infanzia, i cui ambienti tornano come motivi ispiratori nelle scenografie dei suoi film, pur non essendovi mai ripresi direttamente.

L’omaggio invece a Michelangelo Antonioni si concentra nella serata di venerdì 31 marzo alle 21.15, con la proiezione del cortometraggio “Lo sguardo di Michelangelo” che il regista ha diretto nel 2004 e nel quale il maestro del cinema italiano si interroga di fronte ai capolavori del maestro del Rinascimento Michelangelo Buonarroti. L’ammirazione del regista ferrarese di fronte all’opera di Michelangelo è immensa e il cortometraggio sembra un vero e proprio dialogo muto tra i due grandi maestri, accomunati dall’amore per l’arte.

Un discorso a parte merita inoltre l’attesa ed esclusiva presenza di Elisabetta Sgarbi, alla quale spetta il compito di “aprire” la manifestazione al Teatro del Popolo di Gallarate domenica 26 marzo alle 17, grazie alla proiezione del mediometraggio “Due contro una”. Datato 2005, il lavoro della Sgarbi è realizzato basandosi sul bestseller “Buongiorno Pigrizia. Come sopravvivere in azienda lavorando il meno possibile” della scrittrice Corinne Maier, anch’ella presente a Gallarate per l’occasione. Il lavoro smaschera i vizi della vita aziendale in uno splendido connubio tra una grande e apprezzata imprenditrice culturale quale è Elisabetta Sgarbi e una delle più interessanti scrittrici contemporanee quale Corinne Maier.

La parentesi gallaratese della manifestazione assume i contorni di un vero e proprio festival nel festival, anche per la proiezione di ottimi documentari inediti – per la regia di Massimo Ferrari – concentrati su quattro indimenticabili del cinema italiano: Totò “Lei non sa chi è Totò” lunedì 27 marzo alle 17.00), Ugo Tognazzi (“Ugo, nessuno centomila” martedì 28 marzo alle 17.00), Nino Manfredi (“Nino Manfredi nudo d’autore” mercoledì 29 marzo alle 17.00) e Alberto Sordi (“Prima di essere Albertone” giovedì 30 marzo alle 17.00). Si tratta di documentari che offrono un mirabile concentrato sulla vita dei quattro grandi personaggi, esprimendo, attraverso le immagini di alcuni loro film come punto di partenza, la loro personalità, il loro essere uomini al di là del personaggio cinematografico. Questo quattro documentari riescono a presentarci i sentimenti, l’umanità, la quotidianità di Totò, Tognazzi, Manfredi e Sordi, partendo dalle loro interpretazioni e trovando spesso nella loro vita, nella loro infanzia la chiave di lettura per ciò che hanno interpretato e plasmato sul grande schermo.

Spazio anche alla videoarte a cura di Michele Tadini e Alessandro Solbiati la proiezione della selezione gallaratese è in programma domenica 26 marzo alle 18.00: i due compositori presentano una sezione che, trasformando l’immagine mediante l’informatica, crea uno stretti legame tra il suono e l’arte. Una sezione che dunque non si separa dal contesto filmico, ma che ha piuttosto selezionato video brevi con forti connotazioni musicali e ritmiche.

Concluderà lo spazio gallaratese venerdì 31 marzo alle 21.30 la proiezione di “Maria sì” di Pietro Livi, all’interno del Concorso anteprime Made in Italy: esempio di un viaggio attraverso lo sguardo di una donna.

Tutti gli appuntamenti gallaratesi del BAFilmFestival si svolgono al Teatro del Popolo di via Palestro 5.

Per la concomitanza con questa importante rassegna, si segnala che lo spettacolo per bambini e famiglie “Canzoncine alte così” della rassegna “La Scatola Magica” in programma domenica 26 marzo alle 16.30 si terrà al Teatro Nuovo di via Leopardi 4 a Madonna in Campagna.

Per informazioni al pubblico è possibile contattare la Fondazione Culturale “1860 Gallarate Città” onlus a Palazzo Broletto in via Cavour, telefono 0331 754313/4/5 da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.