Carnevale 1929. Flaminio Bertoni vince il primo premio

Il grande Cavallo di Troia, costruito con il maestro Talamoni, conquista il favore della giuria. L'uomo della 2CV poco dopo lascia Varese per Parigi

Una intera città si fermava. Tutta Varese scendeva in strada per festeggiare le ultime libertà concesse dal Carnevale prima della Quaresima. La sfilata dei carri era un evento tanto atteso e la gara tra i partecipanti era una lotta a colpi di colori.

Era il 1929 e un giovane poliedrico artista di nome Flaminio Bertoni partecipò con entusiasmo alla preparazione di un grande carro con il suo maestro Giuseppe Talamoni. Il suo genio ingegneristico trovò, anche in questa occasione, modo di dimostrarsi e la scelta cadde nella realizzazione di un grande Cavallo di Troia. Una grande struttura in legno, che per essere fedele alla tradizione, nascondeva nella pancia i valorosi soldati di Ulisse. L’impresa non fu facile e la costruzione richiese diversi giorni di lavoro. Il risultato premiò la fatica e dopo la lunga sfilata fu proprio questo il carro vincitore del primo premio. Da uomo schivo e timido, Bertoni rimane fuori dall’obbiettivo di queste foto storiche scattate nei giorni della sfliata.

A chi lo aveva costruito sembrava un peccato smontare e distruggere il risultato di cotanto impegno, e fu così che lo scultore Talamoni staccò la testa che, da allora, fece importante presenza nel suo studio di Casbeno.

In pochi conoscevano Bertoni e in pochissimi avrebbero scommesso che sarebbe stato proprio lui a portare il nome di Varese in giro per tutto il mondo. Passeranno solo pochi anni ed il giovane sceglierà di andare a vivere a Parigi. Per la casa automobilistica Citroen svilupperà al massimo il suo geniale intuito progettando macchine come la 2CV, "Lo squalo" e la AMI6. Auto che conquisteranno il gusto di tutto il mondo e che cambieranno definitivamente il concetto di design.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.