Castellanza si fa tempio della lirica con “La Traviata” di Verdi

Sabato 11 marzo alle 21 al tetaro di via Dante va in scena la grande lirica con la celebre opera del grande compositore di Busseto

 

Terzo
appuntamento con la XXVIII° Stagione Musicale Castellanzese
Sabato 11 Marzo 2006 alle ore 21.00 al Teatro di Via
Dante
con il CORO EUPHONIA E IL CORO CALAUCE metteranno in
scena “LA TRAVIATA” melodramma in tre atti di Giuseppe Verdi.

L’iniziativa
è dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Castellanza in
collaborazione con l’Associazione Pentagramma. Direttore è
il Maestro G. Paolo Vessella, al pianoforte Deborah Mori, la regia è
di Luisella Caielli.

Giuseppe
Verdi
era dell’opinione che "l’abito fa il monaco"
perché per lui il successo della Traviata sta nella "sostanza
dell’effimero". Leggiamo nella lettera nell’impresario Lasina
alla presidenza della Fenice in data 11 gennaio 1853: "Il sig.
Maestro Verdi desidera, domanda e prega perché i costumi della
sua opera "La Traviata" rimanghino come sono, dei tempi
presenti, e non si trasporti l’epoca ai tempi di Richelieu. Il
sullodato Maestro mi ha fermamente dichiarato che crederebbe
sacrificato una parte della sua opera, se non ci fosse luogo alla sua
domanda …"

Il
Verdi afferma che del libretto per opera, un autore di melodrammi,
non musica solo l’espressività dei versi ma commenta con la
musica anche l’arredamento della scena e il costume dei personaggi.
Si osservi che, almeno per la Traviata, se non si ascolta con tutto
l’apparato scenico, quest’opera non viene gustata e compresa
integralmente. Parola di Giuseppe Verdi

G.
PAOLO VESSELLA
ha compiuto gli studi di composizione, trombone a
tiro, musica corale e direzione di coro presso il Conservatorio G.
Verdi di Milano. Nel 1996 ha fondato il coro Euphonia del quale è
il direttore e il preparatore vocale. E’ docente di tecnica,
didattica e pedagogia della vocalità corale presso i corsi di
direttore di coro e canto corale presso l’USCI di Varese.

DEBORAH
MORI
nata a Milano si è diplomata in pianoforte,
clavicembalo, organo al conservatorio G. Verdi. Ha seguito corsi di
direzione d’orchestra all’Accademia Filarmonica di Bologna. Dal 1996
collabora come maestro accompagnatore in numerosi festival lirici sia
in Italia che all’estero. Si è esibita in concerti con
prestigiosi artistici lirici quali Ghena Dimitrova, Lando Bartolini,
Giovanna Casolla, Ignacio Encinas, Ambrogio Maestri. Per ben due
volte è stata invitata a corsi di perfezionamento per giovani
cantanti lirici nella città di Takamatsu (Giappone), in
qualità di docente e direttore musicale. Dal gennaio 2005 è
Direttore del Coro Rosetum della Città di Milano.

Tra
gli interpreti AMBROGIO MAESTRI, il baritono italiano più
apprezzato del momento, una vera e propria star della lirica
internazionale. Ha esordito con il maestro Muti alla Scala nella
parte di Falstaff che ha interpretato anche nell’edizione di
Busseto. Sempre alla Scala ha interpretato Jago nell’Otello
verdiano e ha partecipato all’allestimento del Trovatore nell’amena
cornice dell’Arena di Verona. Si è esibito nei maggiori
teatri del mondo, dal PalaFenice di Venezia, al celeberrimo
Bayerische Staalsoper di Monaco di Baviera, raccogliendo ovunque
unanimi consensi di critica e pubblico.

IL
CORO EUPHONIA
è stato fondato nel 1996 da G. Paolo
Vessella che ne è anche il direttore artistico stabile. Il
Coro ha una struttura molto articolata e variabile e si avvale anche
di un gruppo strumentale per l’esecuzione del repertorio concertante
e sinfonico corale. Ha già al suo attivo numerose
collaborazioni con diverse orchestre e formazioni cameristiche
italiane. Il repertorio del Coro comprende sia capolavori della
produzione sacra sia opere liriche complete ed eseguite in
allestimento scenico in vari teatri italiani e stranieri.

L’ingresso
al concerto è libero e gratuito.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.