Consiglio: approvati regolamenti per la disciplina delle acque

Il primo regolamento disciplina tra l’altro l'utilizzo delle acque a uso domestico

Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza tre regolamenti (in attuazione della legge regionale n.26 del 2003) che disciplinano l’uso delle acque superficiali e sotterranee, l’autorizzazione degli scarichi di acque reflue domestiche e delle reti fognarie, lo smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio di aree esterne.

 

Il primo regolamento disciplina tra l’altro l’utilizzo delle acque a uso domestico, del risparmio idrico e del riutilizzo dell’acqua e concerne la disciplina degli usi delle acque, con particolare attenzione al risparmio e riuso delle risorse idriche.

Il secondo è improntato al rispetto dei principi di sussidiarietà e di trasparenza dell’attività delle amministrazioni locali e, sotto il profilo della tutela delle acque, si propone di “realizzare un contesto di riferimento orientato al raggiungimento degli obiettivi di qualità dei corpi idrici”.

Il terzo regolamento indica, come detto, le norme necessarie allo smaltimento delle acque raccolte da prima pioggia e dal lavaggio delle aree esterne.

 

Su questi provvedimenti il gruppo della Margherita non ha partecipato al voto mentre il gruppo di Rifondazione comunista si è astenuto.

 

Per quanto riguarda il progetto di legge riguardante l’introduzione di modifiche alla normativa che disciplina la gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e risorse idriche, il Consiglio regionale, su proposta dell’assessore alle Risorse idriche, Maurizio Bernardo, ha rinviato in Commissione il provvedimento per dare modo ai componenti della Commissione Ambiente di analizzare ed approfondire ulteriormente il contenuto delle nuove norme legislative.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.