Contraffazione nel tessile. Ecco come ci si può difendere

Incontro di studio venerdì a Busto con esperti di diversi settori

Venerdì 10 alle ore 14,15 nella Sala Conferenze del Museo del Tessile a Busto Arsizio, in via Volta, 6, la Sezione Lombardia Ovest dell’Associazione italiana di chimica tessile e coloristica organizza un incontro di studio sulla contraffazione nel tessile-abbigliamento. All’incontro prenderanno parte Ezio Molinari (“Aspetti tecnici nella contraffazione dei prodotti tessili”), Patrick Duc, responsabile di prodotto della maison “Christian Dior” (“Christian Dior, la salvaguardia del marchio”), il capitano Ernesto Carile, comandante la Guardia di Finanza di Busto Arsizio (“La lotta alla contraffazione, procedure di intervento”) e l’avvocato Gabriele Lazzaretti, esperto di Proprietà industriale Marchi Disegni e Modelli,della Società Italiana Brevetti (“Aspetti legali, i casi Louis Vuitton e Chanel”). Moderatore dell’incontro, l’avvocato Riccardo Castiglioni (studio legale Castiglioni-Bonelli-Marchetti-Le Divelec) formatore per l’Agenzia delle Dogane.

«E’ un’iniziativa degna di rilievo – commenta Marco Reguzzoni, presidente della Provincia di Varese -  perché la contraffazione rappresenta la prima forma di concorrenza sleale nei confronti dei nostri prodotti. Capire come agire e conoscere che cosa si può fare per contenere al massimo il fenomeno significa offrire alle aziende uno strumento di difesa».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.