Cosap: «L’obiettivo era la cancellazione della tassa sui passi carrai»

L'intervento dell'ex consigliere comunale di Rc Angelo Zappoli

Riceviamo e pubblichiamo

Le dichiarazioni di questi giorni relative al nuovo regolamento Cosap, si sono incentrate tutte sull’aumento del canone per le occupazioni ad uso commerciale del suolo pubblico, omettendo completamente quella che allora, luglio 2005, fu vista come la maggiore innovazione introdotta, ossia l’eliminazione del canone dei passi carrai. Vale la pena rammentare che questa tassa pesava per 150.000 euro, attinti da tasche di tutte le categorie, a prescindere dai redditi di ogni contribuente.

La cancellazione di questa tassa si deve all’iniziativa del Consigliere Terzaghi, che nel Marzo 2004 aveva presentato un ordine del giorno di raccomandazione alla Giunta, ordine del giorno che non aveva sortito alcun effetto pratico, ed alla mia successiva iniziativa con un emendamento al bilancio preventivo, respinto dalla maggioranza, e la successiva richiesta di convocazione della Commissione Bilancio che port・alla modifica del regolamento.

Il Consiglio Comunale del 18 luglio 2005 era convocato per discutere di questa modifica e delle altre correlate e solo la presentazione di emendamenti dai banchi di Forza Italia port・al risultato di cui oggi i commercianti si lamentano.

Confermo che allora mi astenni sull’emendamento, della cui portata economica l’assessore Soletta non fu in grado di dare conto, essendovi allora tutto il tempo per interventi correttivi, e che votai a favore sul complesso del regolamento, proprio perché obiettivo era la cancellazione della tassa sui passi carrai.

È anche corretto ricordare che la dichiarazione di voto finale del gruppo leghista fu un invito al voto a favore e che il successivo scioglimento del Consiglio, di certo non imputabile all’opposizione, impedì ogni successiva valutazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.