Elezioni, tutti aspettano l’esito delle politiche

Tutto fermo nel centrosinistra, Mucci è il candidato della CdL, la Lega Nord aspetta

Il cammino verso le elezioni del prossimo 28 maggio a Gallarate prosegue, e proseguono anche i tentennamenti del centrosinistra. I nomi di sempre sono ancora sul piatto e all’orizzonte non c’è nessuna novità: Galli, Senaldi, Melandri e Buffoni, quattro candidati per un posto. La proposta di primarie avanzata dalla Margherita è tramontata visto il parere contrario degli altri partiti dell’Unione. Proseguono le consultazioni bilaterali e non, compresi gli incontri con il candidato Buffoni, che si presenterà con la “lista Buffoni” e non con una lista di partito, come auspicato da più parti. I pareri sulla candidatura dell’avvocato ex socialista sono diversi: Bisaccia, segretario cittadino Ds, considera il peso importante che la candidatura di Buffoni può portare alla coalizione del centrosinistra, non necessariamente come candidato sindaco, la Margherita, Prc e PdCI sono molto meno favorevoli. Tutto fermo insomma: la sensazione è che si attenda l’esito delle consultazioni politiche.

La stessa strategia è adottata dalle liste civiche presenti a Gallarate. Bartoli e la sua ViviGallarate sono pronti a scendere in campo da soli, anche se vanno avanti i colloqui e gli incontri con altre anime per la costituzione di un terzo polo, alternativa a centrodestra e centrosinistra. Dell’ex sindaco Luini si sono perse le tracce, ma la sua candidatura, da solo o insieme ad altre liste indipendenti è probabile.

Mucci sarà il candidato della Casa delle Libertà, sostenuto da Forza Italia, Alleanza Nazionale e Udc. La candidatura è certa, anche se alcune anime azzurre non sembrano entusiaste davanti alla prospettiva di altri 5 anni marchiati Mucci: potrebbero per questo nascere liste civiche di scontenti. C’è poi la Lega Nord: da una Parte Maroni ha dichiarato che il Carroccio correrà da solo a Varese, Busto e Gallarate, dall’altra Reguzzoni che ha smentito le dichiarazioni del ministro. La base spinge per correre senza gli alleati, ma anche per i lumbard le decisioni locali si faranno attendere dopo il 9 aprile. Sempre nel centrodestra si muovono Dc e Nuovo Psi: all’interno della CdL, ma con una propria identità ben definita. Ancora più a destra Alternativa Sociale è pronta a scendere in campo, da sola o in compagnia di chi vorrà condividere un percorso politico diverso: in questa direzione gli abboccamenti con la Nuova Dc di Lo Zito e con alcuni personaggi della società civile.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.