Fiamma Tricolore contro la sinistra dei centri sociali

Frattini e Biotti, candidati per la Camera e per il Senato, spiegano il punto di vista del partito in vista del 9 e 10 aprile

Si definiscono gli eredi dell’Msi di Almirante e sono pronti, schierandosi con il Cavaliere, a fermare una sinistra che devia i giovani dai veri valori italiani.

Questo è il pensiero dei candidati varesini alla Camera e al Senato per la Fiamma Tricolore, incontrati questa mattina alla conferenza stampa a Ville Ponti.

Dario Frattini, che si presenta per la Camera, sottolinea che sono molti i giovani che danno il loro consenso alla Fiamma: «Sono ragazzi che osservano la moralità e le tradizioni di questo paese e che vanno fieri di cantare l’inno nazionale».
«L’economia varesina è ferma. Le piccole attività commerciali sono state spazzate via da supermercati e centri commerciali. Colpa della globalizzazione» osserva Frattini riferendosi ai problemi della nostra provincia.

A questo proposito è intervenuto anche Giuseppe Mosca, storico e scrittore, il quale ha sottolineato come «la globalizzazione abbia comportato  un predominio dell’economia mondialistica con conseguenti dissensi ecologici e demografici che stanno portando verso catastrofi planetarie».
Il candidato alla Camera non ha dimenticato di dare la giusta rilevanza alla situazione dei giovani. «La modalità del lavoro interinale istituito da D’Alema non permette alle nuove generazioni di costruirsi un futuro. Fiamma Tricolore è contro il precariato» continua Frattini.

Essendo molto legato alle tradizioni italiane, quindi anche alla religione cattolica, il partito prende una posizione molto ferma e decisa sulla questione dei Pacs. Il matrimonio, per i radicali di destra, non può nemmeno essere concepito tra due persone dello stesso sesso.
«I pilastri della famiglia, nucleo della vita e della moralità di un individuo, devono essere un uomo e una donna che hanno la possibilità di procreare o, comunque, di donare una situazione di normalità al bambino» continua Frattini.

Presente alla conferenza anche il candidato al Senato Vincenzo Biotti che ha voluto ripercorrere gli avvenimenti della manifestazione dell’11 marzo a Milano: «Il vero volto della sinistra si è rivelato in occasione dei disagi che si sono verificati a Milano. Bisogna sbarrare la strada a questa sinistra dei centri sociali» afferma l’aspirante senatore.
Anche se Fiamma Tricolore appoggerà la candidatura di Berlusconi, il programma del partito si discosta da quello di Forza Italia. « Il valore aggiunto del nostro gruppo è la socialità – spiega Frattini – vogliamo portare una ventata di popolarismo», mentre Biotti aggiunge che il loro punto di vista parte dai 18 punti della repubblica sociale, alcuni dei quali furono addirittura inserirti nella nostra costituzione.

Frattini conclude la conferenza con un pesante attacco allo schieramento avversario: «Esorto la destra ad andare a votare per fermare l’Unione che da tre mesi sta dicendo di avere già vinto. Io mi ribello e chiedo rispetto all’elettorato. Come si permettono di palesare un cambiamento prima ancora di conquistarsi  il posto al governo? Questa si chiama presunzione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.