Gian Burrasca in scena con l’Anaconda

Un nuovo spettacolo teatrale per i ragazzi dell’Anaconda. L’ormai noto laboratorio teatrale sul palco dell’Apollonio.

Dopo Turandot (1998), Notre Dame de Paris (2000), West Side Stories (2003), eccoci ad un nuovo appuntamento con la compagnia teatrale dell’Anaconda, cooperativa sociale di Varese che da più di un ventennio è presente sul territorio e gestisce strutture e servizi per persone con handicap psico-fisico grave.

In scena per il nuovo spettacolo teatrale “il giornalino di Gian Burrasca”, con la supervisione della regista Luisa Orneto. Un riadattamento delle avventure del noto personaggio che ha visto un lavoro preparatorio intorno ai ragazzi disabili inseriti nei Centri delle Cooperative Sociali “L’Anaconda” di Varese, “Cura e Riabilitazione” di Milano, “L’Iride” di Monza e “Solidarietà e Servizi” di Busto Arsizio, accompagnati dalle loro educatrici e da diversi amici che si sono resi disponibili ad aiutare, impegnandosi in prima persona. Uno spettacolo che dopo un biennio di preparazione e di intense prove diventa mezzo di espressione per tutti coloro che credono in questo progetto e permette momenti di socializzazione, integrazione e scambio di esperienze tra chi da tempo è impegnato nel sociale nel campo socio sanitario e riabilitativo con disabili gravi.  Il teatro è solo una delle attività che quotidianamente svolge l’Anaconda ed il mezzo sicuramente più visibile di un intenso lavoro che da anni questa associazione ed altre a lei vicine svolgono nell’affronto dei bisogni espressi da persone affette da gravi patologie. L’appuntamento è per marted’ 21 marzo, a partire dalle ore 21.00 presso il Teatro Apollonio di Varese, grazie alla collaborazione dell’amministrazione comunale. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.